Albania investimenti Economia

Silvio Pedrazzi: gli effetti Covid sul mercato bancario albanese

Silvio Pedrazzi, Presidente dell’Associazione Bancaria albanese e Direttore Generale di Intesa Sanpaolo Bank Albania

La moratoria sul rimborso dei prestiti e gli schemi di garanzia sovrana a sostegno delle imprese hanno contribuito a mitigare le conseguenze della prima ondata di crisi del sistema bancario, che potrebbe essere molto grave.

Ma Silvio Pedrazzi, Presidente dell’Associazione Bancaria e Direttore Generale di Intesa Sanpaolo Banca Albania, sostiene che gli effetti della crisi per le banche si vedranno entro la fine del 2020 e nel 2021.

Ciò è dovuto al fatto che i prestiti iniziano a essere considerati problematici dopo 90 giorni.

Quindi i mancati rimborsi di settembre si rifletteranno negli indicatori di dicembre.

La prima fase della crisi provocata dalla pandemia Covid-19 sembra essere trascorsa senza conseguenze molto gravi per il settore bancario. Quali sono state le principali sfide per le banche da quando l’Albania è stata colpita dall’epidemia?

La prima sfida per noi è stata proteggere la salute dei dipendenti e dei clienti. La salute è sempre la questione più importante.

In questa situazione, tutte le banche sono riuscite a garantire la continuità dei servizi giornalieri, anche grazie ad un buon coordinamento con la Banca d’Albania e il Governo.

In termini di effetti economici, dobbiamo dire che non si sono ancora concretizzati, per una serie di fattori ed è difficile prevedere come si concretizzeranno in futuro. Quel che è certo è che le misure adottate, come la moratoria sui prestiti e gli schemi di garanzia sovrana a sostegno delle imprese, hanno contribuito a mitigare le conseguenze della prima ondata di crisi, che potrebbero essere molto gravi.

La domanda che si pone ora è quanto grande sarà il danno permanente che questa crisi causerà all’economia. In ogni crisi ci saranno sicuramente dei perdenti, ma ce ne sono altri che possono uscirne vittoriosi, grazie alla capacità di cogliere le nuove opportunità e gli spazi che può creare.

Le banche non hanno ancora subito danni tangibili in termini di qualità del portafoglio crediti, anche grazie alle modifiche normative in virtù della moratoria dei pagamenti. Questa misura ha evitato la creazione di problemi di liquidità per imprese e famiglie e, di conseguenza, le conseguenze negative sui portafogli delle banche.

Ora che la moratoria è finita, dobbiamo iniziare a capire, sulla base di un’analisi caso per caso, chi erano i mutuatari, chi ha subito gravi conseguenze dalla crisi. Ma, per ora, nessuno può avere una risposta esatta a questo.

Tuttavia, c’è un numero che rappresenta in modo significativo l’ampiezza di questa crisi, per l’Albania come per la maggior parte degli altri paesi: ci sarà un calo della produzione nazionale almeno compreso tra il 5% e il 10%. Fondamentalmente, questo indica che ci sarà meno denaro nell’economia e questo denaro mancherà da qualche parte. Queste conseguenze si faranno ovviamente sentire anche per il settore bancario. Tuttavia, finora, credo che le autorità e il settore bancario abbiano gestito al meglio la situazione e questo è un risultato che dovrebbe essere apprezzato.

Le attività del settore bancario, compreso il credito, sono aumentate nella prima metà di quest’anno. In quali segmenti di mercato e settori si basa principalmente la crescita del credito?

Nei mesi più critici della crisi, soprattutto per marzo e aprile, la domanda di credito è stata pressoché paralizzata. Dopo maggio si è assistito ad un graduale rilancio di questa domanda, soprattutto nel segmento dei privati. Tuttavia, nel valutare la crescita del portafoglio crediti, dobbiamo tenere conto dell’effetto della moratoria, che ha rallentato il deprezzamento del portafoglio esistente.

C’erano circa 150 milioni di euro di rate di mutuo che i clienti non hanno rimborsato e che sono rimasti a far parte dello stock del prestito.
Inoltre, i pacchetti finanziari attraverso i regimi di garanzia sovrana dello Stato albanese hanno avuto un impatto significativo, stimolando la domanda di prestiti bancari e sostenendone parzialmente la crescita.

Devo dire che in questa situazione la resistenza alla crisi e la ripresa dell’economia dipenderanno fortemente dal ruolo che giocherà il governo, attraverso investimenti pubblici e progetti di sviluppo delle infrastrutture. Infine, notiamo una domanda crescente, associata a questi progetti. Mi auguro che con le risorse economiche di cui dispone il settore pubblico, compreso il sostegno che può provenire dall’Unione europea, si possa dare un contributo importante per lo sviluppo delle infrastrutture e per stimolare l’economia.

Sebbene la Banca d’Albania avesse sospeso i requisiti per la riclassificazione e l’accantonamento dei prestiti fino alla fine di agosto, alcune banche hanno scelto un approccio conservativo e aumentato gli accantonamenti nel secondo trimestre, che si riflette nei risultati finanziari secondo gli IFRS. Quali saranno i principali effetti della crisi economica sui bilanci del settore bancario nella seconda metà dell’anno? Prevedete aumenti significativi dei prestiti in sofferenza e shock degli indici di redditività?

Voglio essere aperto: una crisi che riduca la produzione nazionale su questa scala avrà inevitabilmente conseguenze sulla qualità dei portafogli prestiti delle banche. Finora non abbiamo visto gli effetti, grazie a quelle misure e interventi di cui abbiamo parlato e che hanno mantenuto i mutuatari in stato liquido. Perché l’essenza del problema è la liquidità. Un’azienda non fallisce quando perde denaro per un anno o due; l’attività va in bancarotta quando non c’è più liquidità per continuare l’attività.

Penso che le reali conseguenze di questa situazione per il settore bancario si possano vedere solo a partire dalla fine di quest’anno e soprattutto all’inizio del prossimo anno. Questa è la mia opinione personale.

Quali settori vi aspettate saranno più duramente colpiti dalla crisi?

Il primo sarà il turismo. Le persone non viaggiano più o viaggiano meno, ci sono limitazioni di movimento. I dati relativi al turismo esterno per l’Albania finora non sono buoni e questo era prevedibile, sebbene siano stati parzialmente compensati dalla crescita del turismo interno. Colpire il settore turistico non è certo solo un problema albanese, ma globale.

Anche il settore dei trasporti sarà sicuramente colpito duramente. Le restrizioni al movimento hanno avuto effetti drammatici. Anche le compagnie più grandi sono state costrette a ridurre il numero di voli, il che si traduce in ripercussioni lungo tutta la loro catena di affari.

Tuttavia, penso che probabilmente l’Albania reagirà meglio rispetto ad altri paesi, anche più ricchi. Ma ciò dipenderà molto dalle politiche economiche che verranno perseguite e dal mantenimento del sostegno ai settori più colpiti. Le politiche dovrebbero concentrarsi sull’obiettivo essenziale di mantenere l’occupazione. Passando alla questione, dico il turismo, i trasporti, ma anche le industrie estrattive, legate alla congiuntura dei prezzi delle materie prime saranno le più colpite.

Quale sarà il tuo approccio per affrontare le esposizioni ai settori che sono stati più duramente colpiti dalla crisi, come il turismo e le attività legate ai viaggi?

A metà luglio, abbiamo offerto un pacchetto tra cui i clienti potevano scegliere e la nostra approvazione è stata praticamente automatica. Per i settori più colpiti, principalmente nel settore turistico, abbiamo offerto una proroga della moratoria fino a due anni. Credo sia dovere delle banche, ma anche interesse delle banche, sostenere quelle imprese che danno lavoro alle famiglie, in questo momento di difficoltà.

Ma dobbiamo accettare che tali situazioni possono anche causare vittime nel senso economico del termine. Forse in alcuni casi potremmo anche essere costretti a dire “no” a un cliente. Certo, ti assicuro che nell’ambito delle nostre capacità continueremo a garantire il massimo supporto al cliente. Saranno accolte tutte le nuove richieste di prestito, basate su piani aziendali realistici e coerenti. Questo è l’approccio seguito da tutto il nostro gruppo bancario.

Quanto tempo si aspetta che durino gli effetti della crisi sul sistema finanziario, a meno che non si verifichi un’ulteriore escalation negativa della situazione pandemica e nuove misure restrittive?

Qualche settimana fa, abbiamo condotto un sondaggio con i nostri dipendenti e ti abbiamo posto esattamente questa domanda che mi stai ponendo. Il 35% dei nostri dipendenti pensa che la crisi finirà entro quest’anno. Il 55% ha risposto di non avere le idee chiare, mentre il resto non ha dato alcuna risposta.

Personalmente, credo che dovremmo abituarci a convivere con questa situazione e non esiste una facile via d’uscita. Sono convinto che nessuna situazione ci accompagnerà per buona parte del prossimo anno.

Per informazioni sull’Albania e consulenze gratuite su contabilità, tassazione, diritto del lavoro, investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, immobili, trasferimenti di residenza, certificazioni, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype:italian.network
https://www.italian-network.net/
https://albaniainvestimenti.com/

https://www.jobinalbania.com/

https://albaniaimmobiliare.com/

Roberto Laera

Roberto Laera È laureato in Scienze Aziendali presso l’Istituto Superiore di Finanza e Organizzazione Aziendale di Milano, con circa 20 anni di esperienza nell’ambito della consulenza aziendale, organizzativa risorse umane, della formazione. È senior consultant di numerose aziende nazionali e internazionali. Ha lavorato tra le altre per George S. May, Telecom Italia Learning Services, Bosch. Dal 2008 amministratore unico di IN Italian Network Sh.p.k. e Albania Investimenti Sh.p.k. con sedi a Tirana in Albania e Bari in Italia, offre consulenza all’internazionalizzazione delle imprese, fiscale, finanziaria e servizi fiduciari. È professore a contratto della Facoltà FASTIP dell’Università Aleksander Moisiu di Durazzo per la materia di “Introduction to Business”. È componente del Advisory Board dell’Università Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana. È delegato per l’Albania di ASSORETIPMI. È referente per i rapporti istituzionali per l’Italia dell’Albania Development Fund
Follow Me:

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *