Analisi di mercato

Le aziende più grandi nei Balcani

Le aziende più grandi nei Balcani

2017, la crescita del potere d’acquisto porta vendite record a società del Sud-Est Europa

L’elevata domanda interna, sospinta dalla crescita dei ricavi, da un flusso costante di investimenti e da un buon contesto internazionale, ha portato le economie dell’Europa sudorientale (SEE) a raggiungere una crescita più rapida nel 2017, secondo il comunicato dell’unità di intelligence bulgara, vedi News .

Le aziende della regione hanno beneficiato di un’elevata domanda da parte dei consumatori, sia sul mercato nazionale che su quello globale, poiché gli investimenti effettuati hanno aumentato la produttività mentre i costi sono rimasti bassi.

I guadagni complessivi delle 100 migliori aziende nel sud est Europa hanno registrato livelli record. La crescita economica di queste imprese nel Sud-Est Europa, ha toccato quasi tutti i loro settori, dando un enorme esportazione spinta nelle parti dell’industria metalmeccanica, produzione di auto e auto. Di petrolio e gas aziende, che sono sempre classificati in prossimità dei sedili anteriori delle 100 migliori aziende in Europa orientale, rafforzato ancora una volta la loro terra, lasciando dietro di sé un periodo non facile in questi ultimi anni a causa di la caduta dei prezzi globali. Settori come l’agricoltura non sono ancora riusciti a classificarsi tra i primi posti nella classifica Top 100, mentre le società dell’Information Technology sono quasi indisponibili.

L’espansione dei consumi privati, sostenuti dalla crescita del reddito disponibile, ha stimolato la crescita economica nel Sud-Est Europa, con 4,0% nel 2017 dal 3,5% nel 2016, superiore alla media UE, dice Nevena Krasteva a livello regionale pubblicazione “100 aziende nell’Europa sudorientale (SEE), “l’agenzia di stampa See News con sede in Bulgaria.

Un ambiente esterno favorevole, tra cui l’andamento delle economie dell’UE, il principale partner commerciale della regione e un aumento globale dei prezzi delle materie prime ha fornito un ulteriore impulso alla crescita delle economie della regione. Le banche sono rimaste stabili e anche i mercati finanziari, ad eccezione della Romania, sono rimasti a un ritmo costante.

La disoccupazione ha segnato una traiettoria discendente, in quanto i gestori sono rimasti ottimisti sui piani di occupazione. Una maggiore fiducia delle imprese e finanziamenti liberi e ampiamente disponibili hanno stimolato un aumento degli investimenti aziendali, mentre i fondi UE hanno continuato a sostenere gli investimenti pubblici. Gli investimenti esteri diretti sono cresciuti nella maggior parte dei paesi dell’Europa sudorientale, come dimostra la crescita delle attività di fusione e acquisizione. La Cina è stata valutata come uno degli investitori chiave che continua a investire miliardi di euro nella regione. La maggior parte del denaro è destinato a importanti progetti infrastrutturali in Serbia, ma anche il settore corporate ha ricevuto una buona parte di questo totale.

Revanshi cinese

Nel 2018, il governo di Belgrado ha scelto il gruppo cinese Zijin Mining come acquirente del 65% del capitale RTB Bor, del valore di $ 350 milioni. All’inizio di quest’anno, Hisense Group è diventato proprietario del 95,42% delle azioni di Gorenje, una delle dieci più grandi aziende in Slovenia. Un’altra società cinese, la CEFC China Energy, era vicina alla firma di un accordo per acquistare la quota di maggioranza di Kaz Munay Gas International, che possiede anche la raffineria Rompetrol in Romania, la settima più grande azienda della regione, secondo le nostre classifiche. Tuttavia, questo accordo non è riuscito a finalizzare. In Bulgaria, la National Nuclear Corporation cinese ha espresso interesse a costruire una seconda centrale elettrica nel paese.

L’esempio rumeno

Con una popolazione di 19,6 milioni e una crescita del PIL impressionante del 7% nel 2017, la Romania è il miglior esempio dei mercati nella regione e all’interno del paese, per l’elevato numero di aziende grande, compreso il produttore di auto Dacia. È anche il miglior esempio per tutti gli investitori stranieri che osservano questa regione, per le ulteriori opportunità che offre, aprendo la strada a fusioni e acquisizioni (M & A). Tuttavia, l’economia della Romania registra anche la maggior parte dei problemi che interessano gli investitori in tutta la regione, dove possiamo menzionare istituzioni inefficienti, politiche imprevedibili e fallimenti nella lotta alla corruzione.

Le turbolenze politiche di volta in volta si riflettono anche nel mercato azionario, colpendo la valuta nazionale, frequenti cambiamenti fiscali costringono le imprese a rivedere i piani a lungo termine e gli sforzi del governo per interferire con le sentenze emettono preoccupazioni sull’indipendenza istituzionale. Inoltre, la rapida espansione economica ha destato preoccupazioni per il surriscaldamento, spingendo il FMI a cercare continuamente moderazione fiscale e maggiore sorveglianza da parte della Banca centrale. Secondo le previsioni del FMI, il divario fiscale della Romania passerà al 3,6% nel 2018 dal 2,8% nel 2017, mentre l’inflazione al consumo è salita al 4,7% dall’1,3%.

Nonostante la sua forte crescita, il PIL della Romania pro capite era pari a solo il 63% della media UE nel 2017. Altri paesi della regione, con l’eccezione della Slovenia, hanno livelli ancora più bassi di ricchezza, perché non hanno il vantaggio della Romania. Allo stesso tempo, hanno gli stessi problemi derivanti dalla debolezza dello Stato di legge dello Stato, l’alto livello di corruzione, norme imprevedibili e un’infrastruttura obsoleta quasi tutta la regione.
Qui non possiamo andare senza menzionare il gran numero di aziende statali in Serbia che hanno bisogno di ristrutturazioni di emergenza, settore informale in Albania e Macedonia che, purtroppo, in piena espansione e ancora problemi irrisolti con paesi vicini come la Serbia, il Kosovo e Macedonia.

Prestazioni positive

Ma nonostante le tristi esperienze, la forte performance nell’economia delle 100 Top Companies nel Sud-Est Europa è notevole. La crescita economica del 2017 diminuirà poiché le migliori aziende SEE hanno aumentato i loro profitti, segnando il livello più alto di tutti i tempi.
Poiché la regione ha registrato una crescita costante, il reddito totale delle principali società in SEE è aumentato del 12,5% rispetto al livello dell’anno precedente. Il loro profitto complessivo è cresciuto ancora di più, del 22%, a 4,9 miliardi di euro.

Anche la soglia per l’ingresso nelle prime 100 aziende della SEE è aumentata, raggiungendo 515,5 milioni di euro da 464,7 milioni di euro dell’anno precedente. La crescita è principalmente dovuta al forte recupero di petrolio e gas e ad una buona performance delle aziende metalmeccaniche, insieme ad un aumento dei prezzi delle materie prime globali. Le compagnie petrolifere e del gas rappresentano circa un quarto di tutti i partecipanti a questa classifica.

Allo stesso tempo, il loro conto ricavi combinati per quasi un terzo del totale – 36,5 miliardi di euro, rispetto ai 30,3 miliardi di euro di un anno prima. Inoltre, il loro profitto combinato è quasi raddoppiato a 2,2 miliardi di euro. La Slovenia Petrol è al secondo posto con un fatturato di 3,8 miliardi di euro, allo stesso tempo l’azienda con le migliori prestazioni del settore. Segue della Romania OMV Petrom, con il più alto profitto tra tutti i partecipanti delle prime 100 aziende a See, con 515 milioni di euro. Sei delle prime dieci aziende in questa classifica appartengono al settore del petrolio e del gas. Tuttavia, il settore che ha registrato la crescita più elevata di anno in anno è la lavorazione dei metalli, con un incremento del 46% a 5,7 miliardi di euro.

Oltre all’aumento dei prezzi globali, l’espansione dell’industria dei metalli è stata guidata direttamente dalla crescita della domanda da parte di altre industrie. Produzione di un veicolo convenzionale con cambio automatico richiede circa 20-25 rame kg, mentre i veicoli ibridi ed elettrici, richiedono fino a 100 kg di rame. Mentre un generatore eolico richiede fino a 20 tonnellate di rame, afferma Tim Kurth, CEO di Aurubis Bulgaria. Aurubis Bulgaria è il più grande produttore di metalli in questa classifica e una delle nuove entrate nella top ten.

I produttori di automobili guidano

I produttori di automobili continuano a guidare questa classifica, dove Automobile Dacia è la più grande azienda nella classifica di 100 Top Companies in SEE per il quarto anno consecutivo.

Le sue entrate sono aumentate dell’11,62% a 5,0 miliardi di euro. Anche i guadagni di Dacian sono aumentati a 115,7 milioni di euro da 100,5 milioni. Le vendite di automobili e pezzi di ricambio sono cresciute rispetto al 2016, grazie alla brillante combinazione di diversi modelli e marchi. La produzione automobilistica è la quarta maggiore industria della regione, generando un profitto combinato di 14,2 miliardi di euro e un utile netto di 351,9 milioni di euro. Per quanto riguarda le aziende di pneumatici, le cifre mostrano che questo settore è il terzo più grande della regione in termini di fatturato annuale e genera il secondo maggiore profitto aggregato nella regione. La forte performance finanziaria del settore automobilistico deriva anche dalla straordinaria crescita della produzione.

La produzione di veicoli nell’Europa sudorientale nel 2017 ha registrato una crescita annuale del 14% contro una media europea del 3,7% e una media dell’1,9% a livello mondiale, mentre le vendite di autovetture sono aumentate del 9,7% rispetto al 3,1% del resto dell’Europa e il 2,4% nel mondo, secondo i dati dell’Organizzazione internazionale dei costruttori di automobili. Questa tendenza al rialzo è stata osservata in tutti i paesi dell’Europa sud-orientale, ad eccezione della Macedonia. Dal 2007, quando SeeNews ha iniziato a classificare 100 migliori aziende SEE, le entrate annuali combinate di tutti i produttori di automobili e produttori di automobili sono aumentate del 140%, un risultato senza rivali da qualsiasi altra industria nella regione .

Il settore automobilistico è tra le industrie più diffuse in tutti i paesi della regione in termini di contributo al PIL, aumento della capacità produttiva, il volume degli investimenti e la creazione di nuovi posti di lavoro. Il settore, che beneficia direttamente dell’aumento della domanda, sia sul mercato nazionale che su quello globale, attrae investimenti a basso costo per la costruzione, la terra e l’utilità e notevoli sussidi statali. Ultimo ma non meno importante, Sud-Est Europa, soprattutto i paesi che hanno una propria tradizione di veicoli che producono, come la Romania, la Serbia e la Slovenia, hanno una larga base di lavoratori qualificati.

Crescita, ma business in perdita

Un altro settore che beneficia della crescita dei consumatori è quello delle vendite all’ingrosso e al dettaglio. Tuttavia, questo è l’unico settore che ha registrato una perdita combinata di 8,3 milioni di EUR. Lo scarso rendimento di questo settore è venuto a causa della crescente preoccupazione per il fallimento croata Agrokor, rappresentata nella classifica delle sue tre unità di vendita al dettaglio con il consumismo croato, sloveno Mercator Poslovni Sistem Mercator e Serbia. Tutte e tre le società hanno registrato una perdita complessiva di 786,9 milioni di euro. Se i loro risultati fossero esclusi, il profitto combinato del settore sarebbe il secondo più grande nella regione. Nonostante la debole performance dei tre membri di Agrokor, il fatturato del settore combinato è cresciuto a 22,9 miliardi di euro nel 2017 da 20,7 miliardi di euro un anno fa,

Ciò che ti rende più impressionato nelle classifiche delle 100 migliori aziende sud-orientali europee è che il maggior numero di rappresentanti qui è la Romania, con 51 società. Poi arriva la Slovenia con 13 rappresentanti, Serbia 12, Croazia 11, Bulgaria 10, Bosnia ed Erzegovina 2 e Macedonia 1. Altri paesi che fanno parte di questa regione non sono riusciti a entrare in questa classifica. Per quanto riguarda i settori, petrolifero e del gas e quello delle vendite all’ingrosso e al dettaglio, hanno 24 ciascuna azienda, il settore dell’energia 14, ha automobilistico 11 più 3 nel settore produzione di pneumatici. Il settore metalmeccanico è rappresentato da 5 aziende, mentre i prodotti farmaceutici e l’agricoltura sono rappresentati da 3 società ciascuno. I settori rappresentati da un numero inferiore di società rispetto all’anno precedente sono quelli delle bevande e delle sigarette, delle telecomunicazioni e dei trasporti.

Mentre il settore che manca di questo ordine è quella di Information Technology, anche se è emerso come uno dei più grandi promotori, molte economie della regione, creando migliaia di nuovi posti di lavoro e ha creato alcune grandi offerte fusioni e acquisizioni (M & A) negli ultimi anni. Quasi la metà dei partecipanti all’edizione di quest’anno di 100 top aziende del Sud-Est europeo sono di proprietà straniera. E proprio tale dettaglio, aiuta le aziende locali ad evitare molti problemi interni dando loro accesso ai mercati internazionali e supportando i loro piani di investimento. La capacità di esportazione è anche cruciale per le aziende nazionali per compensare i vincoli dei piccoli mercati locali.

Le vendite di ricambi auto e auto al di fuori della Romania hanno rappresentato il 93% delle vendite totali di Dacia nel 2017. Anche altri produttori di veicoli e pezzi di ricambio vendono la maggior parte dei loro prodotti ai mercati esteri. Aurubis Bulgaria, il maggiore esportatore del paese, contribuisce con il 9% delle esportazioni bulgare e con l’HIP Petrohemija della Serbia, la compagnia più redditizia tra i partecipanti all’edizione di quest’anno di 100 Top Companies in SEE, genera oltre l’80% dei ricavi dalle esportazioni. La maggior parte delle migliori aziende gode delle economie di scala offerte dalla piena integrazione delle attività all’interno della propria linea di azione. A questo punto, possiamo nuovamente fare un esempio dall’inizio delle classifiche per eseguire il backup di ciò che abbiamo detto sopra.

Groupe Renault Romania, la società madre di Dacia, impiega oltre 17.700 persone, integra tutte le attività specifiche per un costruttore di automobili. Ciò ha generato una costante performance economica e una vasta gamma di offerte di lavoro in vari campi di ricerca di mercato, progettazione, ingegneria, ricerca tecnica, catena di produzione e fornitura, vendite, servizi commerciali e finanziamenti. Gli investimenti su larga scala sono un’altra caratteristica comune delle attività delle migliori aziende della regione. Gli investimenti di OMV Petrom, ad esempio, hanno superato i 640 milioni di euro nel 2017. Oltre agli investimenti nell’espansione della capacità, un gran numero di aziende ha compreso l’importanza della spesa per la ricerca e lo sviluppo. Per quanto riguarda la mancanza di forza lavoro qualificata,

L’Albania non ha 100

Nella tabella delle 100 maggiori società per leggi l’articolo non ha alcun venture in Albania, mentre la più grande azienda Albanese (Oshea, di proprietà dello Stato) trasporta 462 milioni di euro di fatturato, anche se non ha raggiunto la soglia per entrare nella classifica dei 515 milioni di euro. Nel frattempo, dalla Macedonia, un’economia di dimensioni più ridotte rispetto all’Albania, Johnson Matthey DOOEL, produttore di catalizzatori per automobili con un fatturato di 1,5 miliardi di euro, è al 19 ° posto nella classifica dell’Europa sud-orientale. Albania dominare società commerciali, soprattutto nel petrolio, mentre la regione è quello di sviluppare la tecnologia e l’industria automobilistica che sta vedendo una crescita enorme negli ultimi anni.

In Albania, la più grande azienda per fatturato è la distribuzione Operatore di energia elettrica (energia Oshea), con 462.5 milioni di euro, seguita da mirtilli, commerciante all’ingrosso di carburante, con 328 milioni di euro. Successivamente, la Spiecapag, con opere infrastrutturali per la pipeline TAP, è fissata a 210 milioni di euro; Bankers Petroleum, che sfrutta il più grande giacimento di petrolio di concessione sulla terra in Europa, il Patos-Marinez, con 192 milioni di euro.

Classifica seguenti Europetrol Durazzo in Albania, con 164 milioni di euro, Genklaudis, è la commercializzazione di carburanti, con 156 milioni di euro; Kurum International, il produttore di acciaio, sta recuperando dalla bancarotta, con 149 milioni di euro. Incassando vicino Eroil, che commercia combustibili per 139 milioni di euro, Vodafone, gli operatori di telecomunicazioni più grandi con 129 milioni di euro e Telecom Info a 112 milioni di euro. L’ordine è compilato in collaborazione con Monitor. Vedi Notizie elenca banche e compagnie assicurative separatamente. Albania, nella lista delle più grandi banche, ordinati per beni che sono la Banca Nazionale Commerciale, al 27 ° posto, con un patrimonio di 3 miliardi di euro; Raiffeisen, anziché 43, con un patrimonio di 1,9 miliardi di euro; Credins Bank invece di 55, con un patrimonio di 1,35 miliardi di euro; Intesa San Paolo invece di 65, con un patrimonio di 1,16 miliardi di euro.

Invece di 95, 96 e 97 rispettivamente, Société Générale (612 milioni di euro); Tirana Bank (585 milioni di euro); Alpha Bank (577 milioni di euro).
Delle compagnie assicurative, Sigal UNIQA Group Austria Sh.a. si posiziona al 52 ° posto nel sud-est Europa, con una raccolta lorda di 30,1 milioni di euro; Sigma Interalbanian Vienna Insurance Group sh.a., anziché 67 con 25,4 milioni di euro; Eurosig Sh.a, con 17,1 milioni di euro, è classificato al 79 ° posto; Intersig Vienna Insurance Group Sh.a. invece di 96, con 12,5 milioni di euro.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, contabilità, tassazione, diritto del lavoro, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
https://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com/

https://www.jobinalbania.com/

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *