Albania investimenti Economia

L’Albania avanza con la regolamentazione dello scambio di criptovalute

L’Autorità di vigilanza finanziaria albanese ha approvato un regime di licenze per gli scambi di criptovaluta, una novità per la regione, rafforzando una legge sulle criptovalute approvata nel 2020.

La legge si riferisce agli scambi di tecnologia di contabilità distribuita che sono scambi in cui viene utilizzata la blockchain insieme a token digitali, risorse digitali e quelli che utilizzano sia risorse digitali che valuta fiat. Nell’ambito del regime di licenze, gli scambi di DLT rientreranno in una delle tre categorie; quelli che utilizzano solo risorse digitali e token digitali, quelli che utilizzano valuta fiat e virtuale e quelli che negoziano titoli digitali.

Le licenze saranno rilasciate in base alla presentazione di documentazione dettagliata, tra cui organizzazione aziendale, piani aziendali, fonte di capitale e reputazione. Una volta presentata la domanda, le autorità competenti passeranno il fascicolo a una commissione mista per esaminare e valutare in linea con la legge.

Le decisioni sulle domande si baseranno sulla protezione degli investitori e del pubblico, sulla promozione della stabilità e della trasparenza dei mercati finanziari, sulla garanzia del rispetto della legge, su sistemi di sicurezza adeguati e sulla protezione dagli attacchi informatici. Il regolamento valuterà anche l’amministratore della società, il consiglio di amministrazione, il consiglio di sorveglianza e altre parti interessate chiave.

Altri requisiti per la licenza includono avere abbastanza capitale, che può essere in fondi o attraverso una polizza assicurativa per la responsabilità professionale.

La legge “Sui mercati finanziari basati sulla tecnologia di registro distribuito” è entrata in vigore il 1 ° settembre 2020, ma non è stata ancora attuata a causa della mancanza di statuti. Nel novembre 2021, le autorità hanno approvato due regolamenti sull’adeguatezza patrimoniale e sui fondi propri e sui soggetti di licenza che esercitano l’attività come agente di token digitali.

Nel giugno di quest’anno, l’assemblea parlamentare albanese ha redatto una risoluzione per chiedere all’Autorità di vigilanza finanziaria (FSA) di approvare atti normativi su criptovaluta e valute digitali entro il 2022, poiché il paese spera di usufruire dei vantaggi posti dalle tecnologie.

Ha anche fatto riferimento al recente rapporto MONEYVAL che ha affermato che sono necessarie ulteriori misure per affrontare il rischio di criptovaluta.

“Il prossimo rapporto di monitoraggio per l’Albania ha concluso che questo paese non ha migliorato significativamente le sue misure per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo secondo le raccomandazioni del GAFI. Tra le altre questioni, il rapporto ha esaminato i nuovi standard internazionali applicati alle risorse virtuali, comprese le criptovalute e i fornitori di tali attività “, ha affermato MONEYVAL.

Anche l’Albania inizierà a tassare la criptovaluta entro la fine del 2023.

(Alice Taylor | Exit.al)

Per informazioni sull’Albania e consulenze gratuite su contabilità, tassazione, diritto del lavoro, investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, immobili, trasferimenti di residenza, certificazioni, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype:italian.network
https://www.italian-network.net/
https://albaniainvestimenti.com/

https://www.jobinalbania.com/

https://albaniaimmobiliare.com/

Roberto Laera

Roberto Laera È laureato in Scienze Aziendali presso l’Istituto Superiore di Finanza e Organizzazione Aziendale di Milano, con circa 20 anni di esperienza nell’ambito della consulenza aziendale, organizzativa risorse umane, della formazione. È senior consultant di numerose aziende nazionali e internazionali. Ha lavorato tra le altre per George S. May, Telecom Italia Learning Services, Bosch. Dal 2008 amministratore unico di IN Italian Network Sh.p.k. e Albania Investimenti Sh.p.k. con sedi a Tirana in Albania e Bari in Italia, offre consulenza all’internazionalizzazione delle imprese, fiscale, finanziaria e servizi fiduciari. È professore a contratto della Facoltà FASTIP dell’Università Aleksander Moisiu di Durazzo per la materia di “Introduction to Business”. È componente del Advisory Board dell’Università Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana. È delegato per l’Albania di ASSORETIPMI. È referente per i rapporti istituzionali per l’Italia dell’Albania Development Fund
Follow Me:

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: