Analisi di mercato Commercio ed Enogastronomia

In Albania ristoranti economici. Costosi elettronica e abbigliamento

L’Albania, il paese con il reddito più basso d’Europa, è il paese con i prezzi più alti della regione balcanica per alcune categorie, come “alimenti e bevande analcolici”, e in particolare per abbigliamento ed elettronica, rispetto alla media europea.

Sebbene abbiano un reddito inferiore rispetto a tutti gli altri (il 31% della media europea), le famiglie albanesi affrontano anche alti prezzi alimentari, il che li rende ancora più poveri. https://www.monitor.al/me-te-varfrit-e-europes-shqiperia-serish-me-konsumin-dhe-te-ardhurat-me-te-uleta-per-fryme-ne-2019-n/

Eurostat ha rilasciato oggi dati comparabili sul livello dell’indice dei prezzi al consumo per beni e servizi, che misura le differenze di prezzo tra i paesi dell’Unione europea, compresa la regione.

Complessivamente, in Albania, i prezzi sono il 57% della media UE (dal 54% nel 2018), i più alti della regione, insieme a Serbia e Montenegro. La più economica è la Macedonia, con il 50% della media UE e poi la Bosnia, con il 55% (mancano i dati sul Kosovo).

Per alcune categorie, l’Albania è più costosa. Per gli alimenti e le bevande analcolici, i prezzi raggiungono l’82% della media europea, mentre il Montenegro, con il reddito più alto, ha il 79%, Serbia (78%), Bosnia ed Erzegovina (76%), mentre più economico, gli alimenti sono nella Macedonia settentrionale (61%). La Macedonia del Nord è dove il cibo costa meno che in qualsiasi altro paese in Europa.

L’Albania detiene anche il primato per il maggior peso delle spese alimentari, con le famiglie che spendono in media il 44% del loro fabbisogno totale per nutrirsi (la media UE è del 12%)

I più costosi della regione sono gli abiti, che sono quasi uguali alla media europea (97%). In Montenegro sono l’88%, la Serbia (94%), la Macedonia settentrionale (76%). Gli abiti più economici in Europa si trovano in Turchia (45%) e i più costosi in Danimarca, fino al 132% della media europea.

Al di sopra della media europea ci sono i prezzi dei dispositivi elettronici (103%), dove il più costoso di noi è solo la Serbia (113%).

L’Albania e la Macedonia hanno i ristoranti più economici d’Europa, con una media del 46 e 45%, mentre il più costoso è il Montenegro (57%).

Per i prezzi totali, il paese più economico in Europa è la Turchia, con il 47% della media europea e la Svizzera più costosa (162%). Gli alimenti sono i più costosi in Svizzera (163%), i più economici in Macedonia settentrionale (61%). I dispositivi elettronici sono i più economici in Polonia (91%) e i più costosi in Islanda (131%). L’Islanda è leader nei ristoranti (176%), mentre la più economica è la Macedonia e poi l’Albania.

Per informazioni sull’Albania e consulenze gratuite su contabilità, tassazione, diritto del lavoro, investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, immobili, trasferimenti di residenza, certificazioni, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype:italian.network
https://www.italian-network.net/
https://albaniainvestimenti.com/

https://www.jobinalbania.com/

https://albaniaimmobiliare.com/

Roberto Laera

Roberto Laera È laureato in Scienze Aziendali presso l’Istituto Superiore di Finanza e Organizzazione Aziendale di Milano, con circa 20 anni di esperienza nell’ambito della consulenza aziendale, organizzativa risorse umane, della formazione. È senior consultant di numerose aziende nazionali e internazionali. Ha lavorato tra le altre per George S. May, Telecom Italia Learning Services, Bosch. Dal 2008 amministratore unico di IN Italian Network Sh.p.k. e Albania Investimenti Sh.p.k. con sedi a Tirana in Albania e Bari in Italia, offre consulenza all’internazionalizzazione delle imprese, fiscale, finanziaria e servizi fiduciari. È professore a contratto della Facoltà FASTIP dell’Università Aleksander Moisiu di Durazzo per la materia di “Introduction to Business”. È componente del Advisory Board dell’Università Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana. È delegato per l’Albania di ASSORETIPMI. È referente per i rapporti istituzionali per l’Italia dell’Albania Development Fund
Follow Me:

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *