Analisi di mercato

Fotovoltaico verso le aste per i grandi impianti

Il sostegno fino qui per gli impianti da 2 MW a 100 Euro MWh, è servito a supporto verso le aste dei parchi fotovoltaici veri e propri da 10-30 MW. Ormai la nuova procedura per gli investimenti oltre i 2 MW, mira la costruzione di parchi grandi per un totale di 100 MW. Perciò, adesso fondamentale diventa imparare dagli errori fatti negli investimenti idroenergetici, ma anche quegli degli altri paesi nel fotovoltaico stesso. Ormai, lo sviluppo in Albania del fotovoltaico di per se non è più una novità! Anzi, solo qualche tempo fa il governo ha incrementato la capacità offerta agli investimenti di centrali fotovoltaiche per un totale di 120 megawatt. Per gli impianti fino a 2 MW, il prezzo d’acquisto attuale si basa su una formula, che calcola il rendimento d’investimenti e tutti gli altri parametri basandosi su multicriteri di lunga durata, garantendo cosi 100 euro MWh per 15 anni, come affermato ultimamente anche in una intervista per i media da Entela Çipa, consulente del ministro dell’energia. La novità è che nella stessa dichiarazione, riguardo i nuovi investimenti, si riporta che: “[]… stanno avanzato molto bene, e la quota rimasta di 100 megawatt è previsto ad interessare molto a breve le aste organizzate per impianti oltre gli 2 megawatt, per vedere dopo i rimanenti da distribuirgli per le 2 MW“. Dichiarazione che nei fatti viene dopo la decisione uscita nei giorni scorsi, che determina i criteri e le condizioni per le aste di costruzione delle nuove capacita oltre le 2 MW. In pratica, la remunerazione che prenderà l’investitore, di norma dopo l’uscita della nuova legge sulle rinnovabili del 2017, dovrà essere determinata dalla procedura d’asta (diversamente dagli impianti fino a 2 MW che rimangono una eccezione a tale regola). Quindi, attualmente abbiamo un avanzamento deciso verso fino qui l’idea di lanciare delle aste per le nuove capacita (con una inversione di quanto fatto fino ora tramite le richieste non proposte ed autorizzazioni) la quale elencherà i criteri che dovrà tenere tale bando (fatto effettivo con il supporto tecnico offerto dal BERS), previste di restare aperte per il periodo di 30 giorni. Tra i dettagli più importanti, sono le conferme tramite la compagnia di distribuzione OSHEE, al quale per di più è stato assegnato recentemente anche il ruolo di operatore delle energie rinnovabili. A tale riguardo, l’OSHEE assume l’obbligo d’allacciamento dell’impianto fotovoltaico alla rete elettrica nazionale e del ritiro e il pagamento di tutta l’energia prodotta tramite un contratto sulla vendita di energia elettrica, sottoscritto preliminarmente, quindi prima che abbia luogo l’inizio d’opera. In più, la novità è che si prevede un meccanismo specifico per garantire la remunerazione con penalità per ogni ritardo.

A tale proposito mentre la volontà del legislatore è chiarissima ad offrire un prezzo fissato dagli investitori stessi, fondamentale diventa che quanto offerto dalla legge sia massimizzato trasferendosi nel migliore modo ai singoli progetti di investimento. Cosi dipeso dal fatto che si tratta di una tariffa feed-in premium la presentazione di ogni progetto è da considerare come conseguenza di studi tecnici ben ponderati. Il che significa che dovrà essere simulato su scenari sensibili a lungo termine, legate a condizioni specifiche dell’investimento, compreso i possibili rischi di costruzione, gestione, giuridici, regolatori, politici, etc.

A tale impresa, il quadro giuridico è stato approntato rispondendo a pieno a quelli che sono stati fino qui i problemi verificati in pratica. Comunque, fatto è che il modo dell’energia è in perenne cambiamento, e i problemi non sono mancati ovunque nei paesi europei. Per questo, più si riesce a “prevedere” la fase preparatoria sugli scenari futuri, più si è in grado di implementare gli studi, i contratti, e altri documenti, e più si può essere pronti per ogni evento futuro. Competenze queste che naturalmente si affinano solo con una lunga esperienza professionale sul campo.

Nota: I diritti e l’opinione espressa in questo articolo appartengono al suo autore. Nonostante tutti gli sforzi compiuti per garantire l’accuratezza di questa pubblicazione, quanto qui non intende fornire consulenza legale in quanto le singole situazioni possono differire e dovrebbero essere discusse con un esperto.

Autore: Dr. Lorenc Gordani

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *