Senza categoria

L’industria dell’indotto automobilistico si sta espandendo nel mercato albanese

L’industria dell’indotto automobilistico sta riconoscendo l’espansione nel mercato albanese. I tedeschi di Forschner dovrebbero iniziare a lavorare presto nella terza fabbrica, mentre “PSZ Albania” opera da anni. Infine, l’industria è stata aggiunta al “Delmon Group” in Francia, con una fabbrica a Elbasan, mentre i coreani di Yura dovrebbero stabilirsi a Fier quest’anno dopo un periodo di scansione di due anni.
Le aziende hanno annunciato l’espansione dei piani a lungo termine e spetta al governo sapere se trarranno beneficio da questa opportunità. Dato che siamo circondati da vicini con politiche più competitive, il nostro vantaggio rimane solo la manodopera a basso costo. Per coloro che conoscono bene questo mercato, ci sono alcuni problemi da risolvere che possono rendere l’Albania più attraente a partire dalle questioni relative alla proprietà e creando i collegamenti infrastrutturali più semplici attraverso i corridoi che facilitano il trasporto

Di Nertila Maho

La manodopera a basso costo, la posizione geografica favorevole e la maturità del mercato dei vicini con fabbriche dell’industria automobilistica che eseguono processi di phasing-out semplici fungono da leva nelle decisioni degli investitori di guardare in Albania. Dopo i tedeschi di “Forschner” e “PSZ Albania” che hanno diversi anni in Albania, recentemente un gruppo francese, “Delmon”, ha annunciato i piani di espansione della fabbrica, che è operativa da un anno a Elbasan.

Questo è stato seguito dal contratto firmato dal governo con la coreana “Yura Corporation” alcune settimane fa. Al di là delle vicende che hanno avuto a quest’ultimo di entrare in Albania, con un investimento iniziale di 6,5 milioni di euro e 516 nuovi posti di lavoro all’orizzonte, sembra che siamo di fronte ad un momento importante per l’industria in generale. L’Albania ha la possibilità che, se la utilizza correttamente, le quattro società che rappresentano un settore completamente nuovo ma in piena espansione verranno ampliate come hanno fatto nei loro piani a lungo termine.

“Forschner”, quasi la terza fabbrica di Rrashbull, il piano per Spitala “sospeso”

L’azienda tedesca produttrice di cablaggi per autobus Mercedes Benz e utensili pesanti, “Forschner” ha aperto un terzo stabilimento un mese fa. Si tratta di una buca nuova più piccola rispetto alle due precedenti, che si trova da qualche parte nella zona del fiume Durres di Durazzo. La compagnia ha richiesto la registrazione di questa unità sotto una NIPT secondaria presso il National Business Center, confermando ancora una volta il suo piano di espansione in Albania, anche se non al ritmo che aveva all’inizio.

Attualmente “Forschner” ha il suo primo stabilimento a Vaqar, con circa 400 dipendenti, inaugurato nel 2015 e una seconda fabbrica autostradale, con circa 300 dipendenti, inaugurata a gennaio 2017. Fabbrica o Sacco nuovo, situato oggi a Rrashbull, è un magazzino, che in futuro intende impiegare almeno 30-50 persone con l’idea di un’ulteriore crescita.

Infatti, “Forschner” ha avuto nei suoi piani per aprire un impianto di grandi dimensioni nella zona Spitalla a Durazzo, ma al momento l’azienda ha sospeso il piano, che aveva lo scopo di espansione a 30 mila metri quadrati e con un potenziale di 1.200 nuovi posti di lavoro lavoro. I processi di lavoro in azienda sono relativamente semplici, che solo con la formazione possono essere appropriati molto bene. Nella sua fabbrica di Vaqarr, l’azienda ha un predominio di dipendenti di sesso femminile, mentre la maggior parte di loro sono giovani e nuovi.

“Yura Corporation” si trova a Fier dopo due anni di scansione, piano a lungo termine per due stabilimenti

La compagnia coreana “Yura Corporation”, che produce parti per KIA e “Hyundai” per la prima volta, mostrerebbe interesse per l’Albania nel 2017. Da quel momento, sembra che i rappresentanti si troverebbero di fronte a ritardi nelle procedure che a un certo punto il dilemma di abbandonare il piano per entrare nel nostro paese.

Il rappresentante della compagnia, Lukas Nam, nel novembre 2018, ha affermato che la burocrazia in corso stava mettendo in discussione la continuazione del piano, ma fortunatamente nel febbraio di quest’anno sembra che le cose abbiano avuto un inversione di tendenza.

Il Ministero delle Finanze e dell’Economia ha annunciato che aveva già autorizzato l’affitto di 1 euro di terreni demaniali, dove i coreani istituiranno la prima fabbrica. Si tratta di circa 4,9 ettari, proprietà demaniale, nota come “Base di Tubo” situata a Zhupan, Fier. Questa zona è definita come l’area di sviluppo più importante per questo settore. Attualmente, sembra che tutti gli atti che autorizzano “Yura” siano stati approvati e pubblicati per procedere con il prossimo passo.

Lukas Nam dice che intende che la fabbrica inizi a lavorare entro quest’anno e se tutto andrà bene entro due anni, raddoppierà la capacità e il numero di dipendenti. L’azienda ha in programma di produrre 200 mila pezzi all’anno. Il Ministero delle finanze e dell’economia ha annunciato che, riferendosi al piano aziendale coreano nel lungo periodo, la probabilità è di aprire due fabbriche che creeranno 4.000 posti di lavoro.

“L’attività economica di Yura inizierà nel nostro paese entro il 2019, dove saranno assunti circa 600 dipendenti, mentre il valore dell’investimento è stimato in 6,5 milioni di euro nella prima fase. La seconda fase di questo progetto prevede un reinvestimento di 13 milioni di euro e il numero di dipendenti con 1100 persone. Nei piani a lungo termine, l’azienda prevede l’apertura di altre due fabbriche in Albania, dove il numero di dipendenti raggiunge circa 4000 persone “, ha affermato il ministro.

“Delmon Group” punta ad espandersi, tutto è iniziato con 1m di euro

Elbasan è diventata l’ospite di una delle società francesi che producono prodotti per il supporto automobilistico, ma non solo. “Delmon Group”, che l’anno scorso, si trova in una capanna che impiega circa 50 dipendenti addestrati dalla società per acquisire processi di lavoro.

Il produttore di pistole deprezzatrici che utilizzano auto come Peugeot, Renault, Fiat Group intende espandersi ulteriormente e aumentare le sue esportazioni a 6 milioni di euro da 1 milione nel primo anno di attività.

“Il valore dell’investimento iniziale supera 1 milione di euro solo nei primi sei mesi dell’attività in Albania. Solo in questo periodo, abbiamo assunto circa 50 dipendenti e siamo riusciti a esportare circa 1 milione di euro di prodotti calcolati al valore di mercato. Nel secondo anno, intendiamo esportare 6 milioni di euro e conseguentemente espandere le nostre capacità e continuare a assumere e formare nuovi dipendenti “, conferma Ertjan Cabiri, amministratore delegato della società. Egli ritiene che l’azienda abbia scelto l’Albania nel tentativo di ridurre i costi legati alla manodopera ma anche di essere più vicina ai propri clienti.

Crescita delle esportazioni verso il gruppo “macchine e materiale elettrico”

Alla fine del 2018, le esportazioni verso il gruppo di macchinari e apparecchiature elettriche, compresi i prodotti finali emersi dall’industria automobilistica della fusione, ammontavano a TUTTI 11 miliardi. Ciò rappresenta un aumento totale del 21,5% rispetto all’anno precedente. Nel 2017, il valore delle esportazioni di questo gruppo era TUTTO 9,1 miliardi.

Nel corso di quest’anno, “Forschner” ha iniziato a operare nella sua seconda fabbrica autostradale con 300 dipendenti, che ha giustificato il salto con un aumento del 41,6% nel valore delle esportazioni quest’anno, rispetto al 2016, quando era 6,4 miliardi . Tuttavia, il 2016 registra un valore di esportazione inferiore rispetto al 2015, ma ciò può essere attribuito ai movimenti di altri operatori del mercato che includono questo gruppo di beni come i macchinari. Nel 2015, il valore delle esportazioni era di 7 miliardi di lek.

Quest’anno segna il primo ingresso nel mercato di “Forschner” con la fabbrica di Vaqar, con circa 400 dipendenti. Rispetto all’anno precedente, l’aumento nel 2015 è stato del 21,5%. Nel 2014 e 2013, le esportazioni verso questo gruppo hanno un margine di oltre $ 600.000 a favore del 2014, con un incremento di circa l’11%.

Ertjan Cabiri, Amministratore delegato di “Delmon Group Albania”

“Il vantaggio principale, la manodopera a basso costo, i nostri piani di espansione”

L’Albania oggi ha il principale vantaggio rispetto ai suoi vicini di forza lavoro liberi. Per Ertjan Cabirin, Managing Director del francese “Delmon Group” in Albania, questo è ciò che spinge le aziende che operano nel settore automobilistico a rivolgere gli occhi al nostro paese.

Sottolinea le decisioni secondo le quali le grandi aziende prendono in considerazione una serie di fattori, come il sistema fiscale, le burocrazie, la vicinanza ai partner e il vantaggio in ciascuno di essi di creare la somma di un’iniziativa di investimento. In questo contesto, sottolinea che il governo dovrebbe avere iniziative volte a migliorare l’ambiente imprenditoriale e incoraggiare gli investitori a considerare l’Albania una nuova opportunità di investimento.

Puoi creare un profilo di “Delmon Group” come azienda? (Da “Delmon” in Francia la sua espansione nei mercati esteri e la sua succursale in Albania Cosa c’è nel business?)

“Delmon Group” è una società francese fondata nel 1965 e specializzata nella lavorazione della gomma e nelle sue applicazioni nel settore. della sua gamma di prodotti comprende guarnizioni buffer utilizzando l’auto, prodotti appositamente per “Peugeot”, “Renault”, “Gruppo Fiat”, le parti in gomma utilizzati nei motori aeronautici o sonde di perforazione di pozzi petroliferi. La società ha diversi stabilimenti in Francia e Spagna specializzati in diverse parti, in base alle esigenze dei clienti finali. Negli ultimi anni “Delmon Group” ha continuato ad espandersi in modo aggressivo in altre aree geografiche come la Cina e recentemente in Albania. Naturalmente, l’obiettivo principale rimane la riduzione dei costi e il riavvicinamento alle fabbriche dei clienti.

Quanto è il valore di investimento iniziale della società, quanti impiegati e quanto è il volume delle esportazioni? Qual è il suo piano a medio termine?

Il valore dell’investimento iniziale supera 1 milione di euro solo nei primi sei mesi di attività in Albania. Solo in questo periodo, abbiamo assunto circa 50 dipendenti e siamo riusciti a esportare circa 1 milione di euro di prodotti calcolati al valore di mercato. Nel secondo anno, intendiamo esportare 6 milioni di euro e conseguentemente espandere le nostre capacità e continuare a assumere e formare nuovi dipendenti.

Quanto è difficile o facile trovare una forza lavoro qualificata per i processi che vengono eseguiti nello stabilimento nel nostro paese e nell’area in cui opera? La compagnia si allena e come sono organizzati?

È impossibile trovare impiegati che non hanno bisogno di formazione. Certo, ci sono tecnici che hanno esperienza e possono imparare più velocemente di altri inesperti, ma tutti devono passare un periodo di allenamento. Come strategia di allenamento, abbiamo preferito la formazione sul posto di lavoro e meno teorica. I tecnici di manutenzione, che hanno bisogno di maggiore specializzazione, hanno trascorso diversi mesi nel nostro stabilimento in Francia, dove hanno lavorato al fianco di colleghi francesi. Nel frattempo, per la posizione degli operatori di macchine, in generale abbiamo preferito allenarci nello stabilimento di Elbasan, portando specialisti dalla Francia che li supervisionano e gestiscono. Ovviamente, questi corsi di formazione sono piuttosto costosi per l’azienda, ma sono necessari per garantire una crescita rapida ed efficiente.

Quale incentivo consideri il sistema fiscale e l’ambiente economico generale in Albania alle condizioni attuali? Quali vantaggi ha l’Albania che possono favorire lo sviluppo di questa industria nel paese?

Il principale vantaggio dell’Albania nell’attrarre investimenti esteri è la libera manodopera. Non a caso, c’è stata una fiorente industria che usa il regime di lavorazione attivo o la fasonry. Il sistema fiscale è certamente importante, ma non credo che abbia un ruolo decisivo, certamente confrontando i paesi competitivi con l’Albania. Inoltre, la burocrazia legata alla costituzione di società e alle relazioni con lo stato sono generalmente facilitate, grazie ai miglioramenti apportati dal governo albanese nel corso degli anni, ma anche grazie alle società private che forniscono servizi sempre più completi come gli uffici legali o ragionieri.

Nel frattempo, penso che lo stato albanese dovrebbe continuare a lavorare per ridurre al massimo i costi che possono essere cruciali per prendere una decisione da un’azienda di scegliere l’Albania o un altro paese nella regione. Ad esempio, la liberalizzazione del mercato dell’energia dovrebbe essere accelerata, poiché i costi energetici in Albania sono molto alti. Inoltre, dato che i costi di trasporto sono molto più alti dei trasporti all’interno dell’UE, perché non cercare sgravi fiscali per le aziende di trasporto? Certo, queste sono solo idee, ma il nocciolo della questione sta nella necessità di lavorare per aumentare i vantaggi ed eliminare gli svantaggi dell’Albania rispetto ai paesi della regione.

Parla Lukas Nam, rappresentante di “Yura Corporation” per l’Albania

“Miriamo ad aprire la fabbrica entro il 2019, allenandoci dai coreani”

La società coreana Yura Corporation, che dopo due anni di ritardo ha raggiunto l’autorità e un contratto di affitto di 1 euro con il governo albanese, intende aprire il primo stabilimento a Fier nel 2019 con 516 dipendenti.

Il suo rappresentante per l’Albania, Lukas Nam, in un’intervista per “Monitor” sottolinea che se tutto andrà secondo i piani, l’azienda si espanderà per raddoppiare il piano iniziale entro due anni, portando il numero di dipendenti oltre 1000. “Yura Corporation “mira a produrre 200 mila pezzi di sistemi via cavo all’anno per i suoi clienti KIA e Hyundai. Il rappresentante della società stima che l’Albania debba apportare modifiche sostanziali al suo sistema per promuovere e sviluppare gli investimenti esteri.

“Yura” ha già un contratto con il governo albanese, puoi darci alcuni dettagli sulla compagnia, il valore dell’investimento, il numero di dipendenti che avrai nella prima fase?

La società “Yura Corporation” è una società coreana conosciuta come il produttore di sistemi via cavo e altri prodotti simili per le automobili. Attualmente, “Yura” si concentra in particolare sull’impegno di risorse nella ricerca innovativa e sullo sviluppo di tecnologie che consentano la disponibilità per i cambiamenti futuri e la consegna della tecnologia più recente ai nostri partner. In Europa e in Africa, l’azienda è presente in almeno 7 paesi come Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia, Serbia, Albania, Marocco e Tunisia con almeno 13.000 dipendenti in totale.
L’ultima espansione è destinata in Albania e l’investimento iniziale sarà di 6,5 milioni di euro e impiegherà 516 impiegati contrattati.

Quali sono i piani a medio e lungo termine per investimenti e occupazione?

Vorremmo avere il primo stabilimento a Fier nel 2019. Se questo investimento iniziale avrà successo, espanderemo la fabbrica di Fier con il doppio di occupazione e investimenti entro due anni.

Cosa produrrà l’azienda in Albania esattamente e il volume di produzione pianificato in un primo momento?

Saranno prodotti due tipi di sistemi via cavo per i motori KIA e Hyundai. Il volume di produzione sarà di circa 200 mila pezzi all’anno.

Perché hai scelto l’Albania, quali sono alcuni dei vantaggi che vedi qui?

In primo luogo, la migliore soluzione logistica per soddisfare le esigenze dei clienti. In secondo luogo, una migliore forza lavoro. Questo è paragonato ai paesi del Nord Africa come la Tunisia o il Marocco, dove abbiamo fabbriche da molto tempo. Questi paesi hanno costi di manodopera più bassi, ma i nostri clienti hanno preferito avvicinarsi all’Albania.

Naturalmente, 516 nuovi posti di lavoro aperti immediatamente sono una cifra significativa. Pensi che ti sarà facile trovare questa forza lavoro nell’area in cui svilupperai l’attività di Fier e hai programmi di allenamento?

Sin dall’inizio, speravamo che saremmo stati in grado di trovare una buona forza lavoro nell’area di Fier. La società ha anche pensato di includere i corsi di formazione nella sua agenda. Saranno sviluppati in Albania e principalmente da istruttori coreani in particolare in ciascun settore e per un periodo fino a tre mesi.

Poco prima, nella nostra intervista di novembre, eri scettico riguardo all’investimento in Albania, a conferma del fatto che potevi ritirarti a causa del ritardo nel processo. Oggi parliamo, suggeriresti l’Albania come destinazione per gli investitori stranieri?

Spero che il tuo sistema per lo sviluppo e la promozione degli investimenti esteri migliorerà e dovrà essere migliorato. È stato molto difficile per noi come società ottenere il permesso. Ho trascorso più di due anni su questo tema in Albania. Se non risolto, questo sarà un serio deterrente per gli investitori stranieri che vogliono venire in Albania.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, contabilità, tassazione, diritto del lavoro, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
https://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com

https://www.jobinalbania.com

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *