Normativa fiscale

Dichiarazioni conti correnti bancari e detrazioni delle spese sanitarie per domiciliati in Albania, residenti fiscali in Italia

Dichiarazioni conti correnti bancari e detrazioni delle spese sanitarie per domiciliati in Albania, residenti fiscali in Italia

Tutti i cittadini stranieri domiciliati in Albania, ma che non hanno ancora ottenuto o non vogliono ottenere la residenza fiscale in Albania, titolari di un conto corrente presso un istituto di credito albanese, devono dichiararlo nel quadro RW della propria dichiarazione dei redditi italiana.

Ma qual è la base imponibile e quanto costa la dichiarazione?

Base imponibile e aliquote

L’imposta, calcolata sul valore dei prodotti finanziari e dovuta proporzionalmente alla quota di possesso e al periodo di detenzione, è pari al 2 per mille.

Per i conti correnti e i libretti di risparmio detenuti all’estero l’imposta è stabilita nella misura fissa di 34,20 euro per ciascun conto corrente o libretto di risparmio detenuti all’estero. L’imposta non è dovuta quando il valore medio di giacenza annuo risultante dagli estratti conto e dai libretti non è superiore a 5.000 euro. A tal fine occorre tener conto di tutti i conti o libretti detenuti all’estero dal contribuente presso lo stesso intermediario, a nulla rilevando il periodo di detenzione del rapporto durante l’anno. Se il contribuente possiede rapporti cointestati, al fine della determinazione del limite di 5.000 euro si tiene conto degli importi a lui riferibili pro quota.

Il valore dei prodotti finanziari è costituito dal valore di mercato, rilevato al termine di ciascun anno solare nel luogo in cui le stesse sono detenute, anche utilizzando la documentazione dell’intermediario estero di riferimento per le singole attività o dell’impresa di assicurazione estera. Se al 31 dicembre le attività non sono più possedute, si fa riferimento al valore di mercato rilevato al termine del periodo di possesso.

Per le attività finanziarie che hanno una quotazione nei mercati regolamentati deve essere utilizzato questo valore. Per le azioni, obbligazioni e altri titoli o strumenti finanziari non negoziati in mercati regolamentati e, comunque, nei casi in cui le attività finanziarie quotate siano state escluse dalla negoziazione, occorre far riferimento al valore nominale o, in mancanza, al valore di rimborso, anche se rideterminato ufficialmente.

Se il titolo ha sia il valore nominale sia quello di rimborso, la base imponibile è costituita dal valore nominale. Quando, invece, manca sia il valore nominale sia il valore di rimborso, la base imponibile è costituita dal valore di acquisto dei titoli.

Dall’imposta dovuta si detrae, fino a concorrenza del suo ammontare, un credito d’imposta pari all’ammontare dell’eventuale imposta patrimoniale versata nello Stato in cui i prodotti finanziari, i conti correnti e i libretti di risparmio sono detenuti. Il credito non può in ogni caso superare l’imposta dovuta in Italia.

Non spetta alcun credito d’imposta se con il Paese nel quale è detenuta l’attività finanziaria è in vigore una convenzione per evitare le doppie imposizioni (riguardante anche le imposte di natura patrimoniale) che prevede, per l’attività, l’imposizione esclusiva nel Paese di residenza del possessore. In questi casi, per le imposte patrimoniali eventualmente pagate all’estero può essere chiesto il rimborso all’Amministrazione fiscale del Paese in cui le suddette imposte sono state applicate nonostante le disposizioni convenzionali.

Un’altra domanda che spesso ci viene posta è se un cittadino italiano domiciliato in Albania, possa detrarre le spese sanitarie.

Questo è possibile, secondo i limiti e i giustificativi, indicati di seguito.

Spese sanitarie sostenute all’estero: sono detraibili?

Le Spese Mediche Sostenute All’estero Sono Detraibili Nella Dichiarazione Dei Redditi. Le Spese Sanitarie Sostenute All’estero Dai Contribuenti Fiscalmente Residenti In Italia Sono Soggette Alla Medesima Disciplina Prevista Per Le Spese Sostenute Nel Territorio Nazionale. Non Sono Detraibili Le Spese Relative Al Trasferimento E Al Soggiorno All’estero Anche Se Dovute A Gravi Motivi Di Salute.

Le spese sanitarie, di qualsiasi casistica (mediche/generiche, specialistiche, chirurgiche, paramediche, farmaceutiche etc.) danno la possibilità al contribuente di sfruttare la detrazione IRPEF del 19% della spesa sostenuta per l’ammontare che eccede la franchigia di 129,11 euro. Anche le spese sanitarie sostenute all’estero danno diritto alla detrazione fiscale, avendo cura di conservare la documentazione comprovante la spesa sostenuta, come per le spese sostenute in Italia (es. fattura di pagamento). In questo caso, spetta direttamente al contribuente inserire l’importo di queste spese in modo manuale all’interno della propria dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi P.F.). Non danno diritto alla detrazione fiscale le spese sostenute per il trasferimento e/o il soggiorno all’estero, anche se dovuti a motivi di salute.

Documentare La Spesa Sanitaria Sostenuta All’estero

Nella maggior parte dei casi, per le spese sanitarie è riconosciuta una detrazione del 19% per la parte eccedente l’importo di 129,11 euro (la franchigia). Le spese sanitarie effettuate sostenute all’estero possano essere dichiarate e detratte nel modello 730 in quanto sono soggette alla medesima disciplina prevista per le spese sostenute nel territorio nazionale.

Per detrarre le spese sanitarie sostenute all’estero nella dichiarazione dei redditi, è necessario conservare la documentazione che attesti la spesa sostenuta, come fatture, ricevute e documenti di pagamento. Inoltre, è importante verificare che le spese siano state sostenute per cure mediche effettivamente necessarie e che siano state pagate con mezzi tracciabili. In alcuni casi, potrebbe essere richiesta la certificazione rilasciata dalla ASL che attesti la patologia con l’indicazione dell’eventuale codice. Le spese relative al trasferimento e al soggiorno all’estero, anche se dovute a gravi motivi di salute, non sono detraibili.

Possiamo riassumere, quindi, che per la detrazione è necessario verificare le seguenti condizioni:

  • Il sostenimento della spesa da parte del soggetto;
  • La documentazione (es. fattura, ricevuta, etc);
  • Il pagamento con mezzi tracciabili, come il conto corrente bancario o postale con ricevute bancomat, bollettini postali, MAV o pagamenti con PagoPA come previsto dall’art. 23, D.Lgs. n. 241/97.

Integrazione Della Documentazione

Per quanto riguarda gli acquisti effettuati in farmacia, se lo scontrino estero non riporta il codice fiscale di chi ha sostenuto la spesa, lo si può indicare a mano sullo stesso. Mentre, la natura, qualità e quantità del farmaco devono risultare da idonea documentazione rilasciata dal farmacista. Pertanto, nell’ipotesi in cui un farmacista estero abbia rilasciato un documento di spesa da cui non risultino tutte le indicazioni richieste, il codice fiscale del contribuente destinatario può essere riportato in calce, mentre la natura, la qualità e la quantità del farmaco devono risultare da idonea documentazione rilasciata dalla farmacia. Sul punto, devono essere seguite le indicazioni fornite dall’Amministrazione Finanziaria attraverso la Circolare n. 34/E/2008.

Documenti In Lingua Straniera

Il contribuente è chiamato ad adottare specifici accorgimenti nel caso in cui la documentazione sanitaria a disposizione risulti redatta in altra lingua. Deve essere allegata, infatti, una traduzione della documentazione in lingua italiana. Solo nel caso in cui la documentazione sia redatta in lingua inglese, francese, tedesca o spagnola la traduzione può essere sottoscritta dal contribuente per garantirne la veridicità. Altrimenti, in caso di lingue diverse da quelle indicate è necessario allegare una traduzione giurata. Pertanto, possiamo schematizzare la situazione come segue:

Lingua della documentazione Tipologia di traduzione
Documenti in lingua inglese, francese, spagnolo, tedesco, sloveno per i residenti in Friuli appartenenti alla minoranza slovena, Traduzione firmata dal contribuente (*)
Documentazione in lingua diversa dalle precedenti Traduzione giurata rivolgendosi al Tribunale

(*) – non vi è obbligo di traduzione per i residenti in Valle d’Aosta, se la documentazione è scritta in francese, e per i residenti a Bolzano, se i documenti sono scritti in tedesco.

Per approfondire: “Traduzione dei documenti in lingua straniera per il 730“.

Il Sostenimento Della Spesa Sanitaria Estera

Come previsto ordinariamente, la detrazione fiscale del 19% spetta al contribuente che ha effettivamente sostenuto le spese nell’interesse proprio e/o della persona fiscalmente a proprio carico. Diversamente, non sono riconosciute le detrazioni relative alle spese per il trasferimento e quelle di soggiorno all’estero (anche se le stesse sono state sostenute all’estero da contribuenti fiscalmente residenti in Italia).

La detrazione spetta anche nel caso in cui le spese mediche siano rimborsate per effetto di contratti di assicurazione i cui premi non costituiscono oneri detraibili o per effetto di contributi o premi che, pur essendo versati da altri, concorrono a formare il reddito del contribuente. Qualora siano stati ricevuti rimborsi da parte di Enti previdenziali o assistenziali le spese mediche non possono essere ritenute rimaste a carico del contribuente, pertanto, non danno diritto alla detrazione dall’imposta.

Tessera Sanitaria Europea

La tessera sanitaria funge come tessera Sanitaria per l’Italia e come tessera europea di assicurazione malattia (Team). L’assistenza sanitaria all’estero è garantita al cittadino italiano con modalità diverse a seconda delle esigenze terapeutiche e del Paese presso cui ci si trova. Occorre distinguere i Paesi dell’Unione europea e quelli con i quali l’Italia ha stipulato apposite convenzioni bilaterali da quelli extraeuropei (non convenzionati). Nel primo caso, il cittadino che in possesso della Team si reca, temporaneamente, presso uno dei Paesi dell’Unione europea o in un Paese convenzionato, per motivi di viaggio, vacanza, studio, lavoro, ha diritto a ricevere nello Stato ospitante le cure medicalmente necessarie.

Se, per una qualsiasi ragione, non sia stato possibile utilizzare la card può chiedere, una volta rientrati in Italia, il rimborso delle spese sanitarie sostenute alla Asl di relativa competenza, purché si presenti la relativa documentazione sanitaria e le ricevute che attestano l’avvenuto pagamento. Se è previsto il pagamento di un ticket, questo rimane a carico dell’assistito e non può essere chiesto il rimborso.

Nel caso di spese mediche effettuate presso un Paese extracomunitario, con cui lo Stato italiano non ha stipulato accordi bilaterali in campo di assistenza sanitaria i costi sostenuti dal paziente risultano completamente a suo carico, senza possibilità alcuna di ottenere un rimborso, è pertanto auspicabile in questi casi stipulare una polizza assicurativa. Occorre distinguere tra polizze sanitarie e infortunistiche. Nel primo caso il premio pagato non può essere portato in detrazione, pertanto, ancorché il contribuente riceva il rimborso delle spese mediche egli può legittimamente fruire della detrazione fiscale per gli oneri sostenuti. Nel secondo caso il premio pagato costituisce un onere detraibile e le spese sanitarie sostenute e rimborsate non danno diritto ad alcuna detrazione d’imposta.

Per le cure di alta specializzazione, la Team non copre il trasferimento all’estero. Pertanto, nel caso di cure programmate se il paziente non può ottenere tempestivamente adeguate prestazioni sanitarie nelle strutture nazionali, può chiedere l’autorizzazione alla rispettiva ASL per effettuare l’intervento all’estero, allegando la relazione di un medico specialista che dichiara che l’assistito non può essere curato in Italia e che indica presso quale centro estero si potranno effettuare le cure. I costi di degenza verranno sostenuti direttamente dal paziente, il quale potrà poi richiedere alla ASL il rimborso di una somma forfetaria.

Se il paziente necessita di un intervento urgente, causa la gravità della patologia e non è possibile azionare la procedura standard della domanda presso la ASL, è, tuttavia, previsto che lo stesso possa ottenere il rimborso, anche senza preventiva autorizzazione, purché il trasferimento urgente sia preceduto dalla presentazione della domanda di autorizzazione alla propria unità sanitaria.

Come ottenere la residenza fiscale in Albania?

Ma come funziona esattamente la residenza fiscale e quali sono i vantaggi e gli obblighi?

Per fare in modo che ciò avvenga, è necessario quindi portare la residenza fiscale in territorio albanese.

In altre parole, bisogna trasferirsi a vivere in Albania. Questo però non basta.

Bisogna dimostrare di possedere altri requisiti stabiliti dalla legge albanese.

Richiedere un permesso di soggiorno nel territorio della Repubblica Albania;

Non essere mai stati condannati in Italia, Albania o qualsiasi altro Paese per reati, per i quali la legge prevede pene superiori a 3 (tre) anni;

Presentare una copia del passaporto rilasciato dallo stato in cui hanno la residenza permanente.

Il permesso di soggiorno

Il documento principale che consente di trasferirsi a vivere in Albania è il permesso di soggiorno.

Per ottenerlo bisogna dimostrare di possedere un lavoro o una rendita minima annua di circa 10.000 euro.

Non solo.

Occorre anche aprire un conto corrente presso una banca albanese dove far accreditare il reddito, dimostrare di avere alloggio e domicilio sul territorio albanese, stipulare una polizza assicurativa sanitaria e allegare certificazione di assenza di precedenti penali o carichi penali pendenti.

Dopo di che le autorità albanesi rilasciano un permesso di soggiorno la cui durata può variare da un minimo di 1 ad un massimo di 5 anni a seconda della categoria, rinnovabile.

Tale permesso di soggiorno consente anche di agevolare il ricongiungimento di familiari residenti all’estero (coniugi, figli, fratelli, ecc.) sul territorio albanese.

Sempre che si possa dimostrare un livello di reddito tale da poter vivere in Albania.

Il permesso di soggiorno si richiede on line, seguendo la procedura.

Il servizio telematico “Richiesta permesso di soggiorno” consente ai cittadini stranieri, regolarmente soggiornanti nel territorio della Repubblica d’Albania, di presentare domanda per ottenere un permesso di soggiorno nella Repubblica d’Albania. Lo straniero, confermata la sussistenza dei presupposti e della documentazione per richiedere il permesso di soggiorno tramite tale servizio, è avvisato di presentarsi di persona, presso le autorità regionali competenti in materia di frontiera e migrazione nel territorio in cui ha stabilito la residenza.

Per informazioni sull’Albania e consulenze gratuite su contabilità, tassazione, diritto del lavoro, investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, immobili, trasferimenti di residenza, certificazioni, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype:italian.network
https://www.italian-network.net/
https://albaniainvestimenti.com/

https://www.jobinalbania.com/

https://albaniaimmobiliare.com/

 

 

Roberto Laera

Roberto Laera È laureato in Scienze Aziendali presso l’Istituto Superiore di Finanza e Organizzazione Aziendale di Milano, con circa 20 anni di esperienza nell’ambito della consulenza aziendale, organizzativa risorse umane, della formazione. È senior consultant di numerose aziende nazionali e internazionali. Ha lavorato tra le altre per George S. May, Telecom Italia Learning Services, Bosch. Dal 2008 amministratore unico di IN Italian Network Sh.p.k. e Albania Investimenti Sh.p.k. con sedi a Tirana in Albania e Bari in Italia, offre consulenza all’internazionalizzazione delle imprese, fiscale, finanziaria e servizi fiduciari. È professore a contratto della Facoltà FASTIP dell’Università Aleksander Moisiu di Durazzo per la materia di “Introduction to Business”. È componente del Advisory Board dell’Università Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana. È delegato per l’Albania di ASSORETIPMI. È referente per i rapporti istituzionali per l’Italia dell’Albania Development Fund
Follow Me:

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *