Albania investimenti

ALBANIA EUROPEA – IL FRATELLO (QUASI) DIMENTICATO

di Bastian de Monte

Albania europaea - il fratello (quasi) dimenticato

Piazza Skanderbeg, Tirana

Foto: Bastian de Monte

Poorhouse of Europe, alcuni lo hanno chiamato fino a poco tempo fa. Alcuni mesi fa, un anonimo uomo politico europeo ha chiesto alle forze pesantemente corazzate per il suo trasporto dall’aeroporto – che è stato respinto dal Primo Ministro che ha dichiarato che la polizia regolare era più che sufficiente – alimentando lo stereotipo negativo sulla presunta mancanza di sicurezza nel paese.Coloro che sono stati lì, tuttavia, si rendono conto che tali pregiudizi sono obsoleti.

Albania – quest’estate, sono finalmente riuscito a passare un po ‘di tempo là e vedere come il paese è andato avanti. E lo ha fatto davvero: la piazza Skanderbeg è stata trasformata in un vero centro urbano, le autostrade e le costruzioni stradali stanno avanzando, le spiagge di Vlora e Saranda si stanno riempiendo. Quest’ultima è in parte anche vista con cautela, non da ultimo a causa dell’aumento dei prezzi. Sul lato positivo – quindi voglio rivendicare almeno – il turismo contribuirà a migliorare l’immagine del paese. Chi viene in questa parte relativamente sconosciuta dell’Europa vedrà che si inserisce perfettamente tra il Montenegro e la Grecia – culturalmente, culturalmente, scenicamente.

La gente? Accogliente e orgoglioso.Esemplarmente, le diverse confessioni vivono fianco a fianco in questo stato completamente laico la cui storia risale all’antichità, agli illirici e ai romani, ai veneziani e agli ottomani. L’eroe nazionale Skanderbeg – in precedenza egli stesso comandante ottomano – unì il suo popolo contro quest’ultimo. Dopo la sua morte, tuttavia, una grande parte della popolazione salpò per l’Italia dove una minoranza albanese ha vissuto fino ad oggi. La connessione persistette nel corso dei secoli, fino a quando il paese alla fine si appassì a uno stato vassallo del Duce prima di cadere nelle mani del comunismo nel corso del 20 ° secolo. Ancora oggi, l’italiano rimane ampiamente parlato.

Generalmente, le persone sembrano essere abbastanza competenti linguisticamente. Parlo con i miei amici e conoscenti locali in inglese e tedesco senza alcun problema. Molti di loro hanno vissuto all’estero, le loro famiglie sono riuscite a fuggire dalla dittatura o dai disordini nel 1997. Famosi discendenti della diaspora albanese-kosovara includono popstar come Rita Ora, Dua Lipa e Era Istrefi, e quindi non dovrebbe meravigliarsi il paese può offrire soprattutto una cosa: la vita notturna – si trovi in un’elegante villa italiana degli anni ’30, un bar sul tetto sopra la capitale o in discoteca in spiaggia. Ma al di fuori del loro paese, gli albanesi si trovano principalmente di fronte a pregiudizi, come la propensione alla violenza.Ma anche se gli argomenti possono diventare un po ‘rumorosi qui, un principio prevale: sii rispettoso e anche tu sarai accolto con grande rispetto.

La famiglia è tenuta in grande considerazione e incontrare la famiglia di qualcuno è il più grande onore. Mi è stato concesso questo onore durante il mio soggiorno: sono riuscito a guidare l’auto a noleggio nel centro di Kruja, una città di montagna panoramica e storicamente importante. Poi sono stato raccolto dal mio amico che ha navigato la sua macchina – avanti e indietro – attraverso quelle strade terribilmente strette. Non potevo trattenermi e ho appena iniziato a ridere, mi sembrava davvero un giro sulle montagne russe. Eppure … non mi sentivo in pericolo in qualsiasi momento. Sapeva quello che stava facendo.

Quando siamo arrivati, il tavolo è stato generosamente servito. La figlia del mio amico avrà una vita meravigliosa, pensai. Al contrario, la vita dura ha lasciato i suoi segni sui suoi genitori. Eppure c’è questo sguardo di ottimismo nei loro occhi. Perchè no? Durante il regno del dittatore Hoxha, il padre fu imprigionato, ora è seduto nel giardino di casa sua sulle pendici di Kruja, per cui la gente lo invidierà nell’Europa centrale; guardando verso il Capo di Rodon che brilla attraverso la luce del sole da lontano. Chi potrebbe biasimarli per il loro ottimismo?

L’Albania è in corso Il modo in cui il viaggio si sta dirigendo sembra essere chiaro: l’Europa. Eppure, le persone stanno ancora parlando di esso con una certa distanza, non si stanno ancora vedendo come parte completa di esso.

La storia più recente, però, non è così atipica per la regione: a lungo controllata da un uomo forte, la gente ha rovesciato il regime nei primi anni ’90, abbattendo la statua del dittatore (Hoxha è già morto nel 1985). Ma il paese era isolato a livello internazionale, poiché Hoxha aveva rotto sia con Stalin che con Tito.

Nel frattempo, gli albanesi hanno iniziato a fare i conti con il loro passato. Due dei numerosi bunker che Hoxha ha eretto in tutto il paese sono stati trasformati in musei che si occupano delle crudeltà del secolo scorso. Il paese si è aperto con certezza: non solo ho visto gli ex autobus della mia città, l’operatore di trasporto pubblico di Vienna, ma ho anche trovato uno stand per salsicce viennesi a Tirana.

Per un bel po ‘di tempo, l’Albania è stata un partner NATO affidabile e collabora in molti altri campi con i suoi vicini europei, ma c’è un consenso sulla via del futuro: cercare l’adesione all’UE. Tuttavia, le persone sono consapevoli che c’è ancora molta strada da fare. Loro denunciano ciò che è sbagliato nel loro paese, prima di tutto la corruzione. Ma loro chiedono: chi, se non l’Europa, ci aiuterà?

Un appello che non dovrebbe rimanere inascoltato. I poteri globali e regionali stanno già sollecitando l’influenza sui Balcani occidentali.La Turchia sta investendo in strutture religiose, gli aeroporti sono gestiti con denaro cinese (nel frattempo ci sono anche buoni ristoranti cinesi a Tirana, tra l’altro). Non è affatto male, il paese ha bisogno di investimenti: l’Europa non deve perdersi. La sua attrazione non è svanita e pertanto è positivo che l’UE intenda avviare negoziati di adesione con il piccolo paese a metà del 2019 .

Questa sarà una lunga strada, una rocciosa. Ma uno che vale la pena prendere. Perché una cosa è chiara: l’Albania è l’Europa, gli albanesi sono veri europei. Non dovremmo dimenticarcene.

Circa l’autore

Bastian De Monte ha studiato medicina a Vienna e European Politics a Bruges e sta per iniziare un tirocinio presso la Commissione europea.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, contabilità, tassazione, diritto del lavoro, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
https://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com

https://www.jobinalbania.com

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *