Job in Albania

Albania c’è il lavoro ma non la manodopera

Albania c’è il lavoro ma non la manodopera

I settori che forniscono occupazione di massa come agricoltura, turismo rurale e turismo hanno dato adito a un allarme sulla carenza di manodopera, riducendo le richieste di qualificazione. I loro rappresentanti hanno sostenuto che la mancanza di forza lavoro è stata la principale preoccupazione per l’attività nel 2019. I bassi salari e l’alta emigrazione sono le cause principali in quanto le imprese rimangono insensibili. Nel decennio successivo, INSTAT prevede che la popolazione in età lavorativa scenderà a tassi più alti rispetto alla popolazione generale.

Da Blerina Hoxha

Prima di iniziare il lavoro al mattino presto nella serra vicino alla casa, Stavrit deve viaggiare di notte a circa 15 chilometri dal suo villaggio di Gradishte per ottenere due dei suoi assistenti che lo aiutano durante il picco della stagione. Possiede una delle più grandi aziende agricole nella zona di Lushnja, ma recentemente la ricerca di dipendenti è diventata una sfida impegnativa. La situazione dovrebbe peggiorare, poiché i giovani non vogliono lavorare in agricoltura ma emigrare, mentre gli anziani che hanno legato la vita al villaggio non riescono a resistere all’intensità richiesta dalla fattoria, afferma Stavri.

La mancanza di forza lavoro è diventata un grosso problema per tutti i settori. I principali rappresentanti del settore, invece hanno sostenuto che, oltre all’ambiente non molto favorevole per le imprese, la mancanza di manodopera è diventata una sfida per la quale le soluzioni sono difficili.
Fason Industry, l’agricoltura e il turismo stanno iniziando a risentire maggiormente della mancanza di dipendenti. Ma i reclami sono stati osservati in tutti i settori, specialmente nei servizi di sanità pubblica.

Flammer Hoxha, amministratore della Kler Company, afferma che “l’ondata migratoria sta facendo sì che l’impresa sia vuota dalla mattina alla cena e come azienda è necessario trovare un modo per sostituirli”. La situazione è molto ovvia, specialmente in alcune aree del paese come Librazhd, Puka o simili. “Le aziende oggi non possono andare e aprire una nuova filiale in queste aree perché non c’è abbastanza forza lavoro. Anche quelli che hanno provato sono tornati a Tirana “, ha detto.

In difficoltà per i dipendenti sono anche le imprese del fason a Scutari, Durazzo e Korça. La compagnia Grori di Durazzo, con attività nel fason, ha affermato che l’anno scorso c’erano 300 posti vacanti, mentre non vi era alcuna domanda di lavoro. La mancanza di specialisti della salute negli ultimi anni ha colpito anche gli ospedali regionali e i centri universitari a causa dell’elevato livello di emigrazione.

L’associazione “Together for Life”, sostenuta finanziariamente dalla Fondazione Friedrich Ebert Tirana, ha condotto un’indagine che ha interrogato 1000 medici sulle cause della loro partenza dall’Albania. Lo studio ha rilevato che il 78% dei medici sta per lasciare l’Albania. Anche la mancanza di forza lavoro risente del settore del turismo. La domanda di riposo in Albania sta crescendo anno dopo anno e gli hotel stanno rispondendo a questo flusso aumentando le capacità ricettive, ma trovare impiegati è diventato difficile.

“Abbiamo difficoltà a trovare dipendenti. Basti pensare di voler lavorare che la formazione che offriamo noi stessi. Abbiamo fatto i giusti corsi di formazione, anche se a un costo elevato per noi, dal momento che sono andati all’estero o si sono trasferiti al picco della stagione nel sud “, afferma Fatos Çerenishti, capo del FAFA Resort in Golem. Negli ultimi anni ha investito in modo significativo nell’aumento delle capacità alberghiere, in un nuovo complesso, in risposta all’aumento della domanda da parte di turisti stranieri.

In un’altra dimensione, la mancanza di dipendenti risente anche del settore dei call centre. Intercom Data Service Leader (IDS), uno dei maggiori operatori del paese, con circa 3.000 dipendenti, afferma che il problema per il proprio settore è che coloro che se ne stanno andando sono dipendenti esperti e di qualità. Questo è un ostacolo all’aumento del livello di servizio, al passaggio dal call center ai servizi a valore aggiunto.
Secondo una stima preliminare, i ventenni in genere non se ne vanno ma quelli che hanno creato un’esperienza, hanno una nuova famiglia o hanno intenzione di creare una famiglia.

La mancanza di manodopera, a parte i settori che offrono bassi salari (fasoni e agricoltura), sta anche registrando alti livelli salariali. Un sondaggio del Centro per la ricerca sociale ed economica, condotto nel 2018, ha mostrato che circa il 50% delle persone che ricevono salari da 1000 a 1470 euro vogliono andarsene. Inoltre, il 70% dei migranti rimpatriati vuole andarsene di nuovo.

Nel periodo 2001-2017, la popolazione nella fascia di età 15-44 anni è diminuita di 167 mila persone, secondo i dati di INSTAT relativi allo stato civile. Più di 60.000 persone di 60-64 anni stanno andando in pensione nei prossimi due o tre anni e circa 140.000 nei prossimi 10 anni. La popolazione in età lavorativa è dominata dalla popolazione oltre i 55 anni. L’emigrazione e il declino delle nascite stanno esacerbando l’offerta di nuova forza lavoro, un fenomeno che viene percepito dagli economisti.

L’ex ministro delle finanze Arben Malaj sostiene che senza un buon governo con obiettivi chiari e misurabili possono aumentare i flussi migratori, non ci può essere aumento di spesa e investimenti, ma nel frattempo i flussi in uscita / trasferimenti di imprese nei paesi potrebbero aumentare i vicini, la crescita economica e l’aumento della disoccupazione e della povertà potrebbero cadere. La forza lavoro, oltre a diminuire, è un deterioramento qualitativo derivante dalla mancanza di adattamento del sistema educativo alle esigenze del mercato del lavoro, mentre secondo i dati di INSTAT, circa il 30% dei giovani tra 15 e 29 anni non è nemmeno in lavoro o scuola.

Erald Pashaj, direttore di “EPPC Albania & Kosovo”, società di reclutamento e formazione, ha affermato che nel 2018 un movimento di dipendenti qualificati e semi-qualificati è stato avvertito nei confronti della Germania. Le richieste di lavoro nel mercato tedesco si sono espanse oltre posizioni lungamente ricercate come IT, medici e infermieri, ma anche in altre posizioni di media grandezza, come barbieri, camionisti e così via. Questo requisito è stato ridotto nel 2018 dalla legislazione tedesca non ancora pienamente facilitata, ma anche dalla mancanza del minimo professionale richiesto o dalla conoscenza di base della lingua tedesca.

L’agricoltura, gli impiegati si restringono

I dipendenti nel settore agricolo sono stati 462.282 persone nel terzo trimestre del 2018, secondo i dati amministrativi di INSTAT. Rispetto al 2012, il numero di dipendenti in agricoltura è diminuito di 72.671 o del 13%. Secondo la metodologia INSTAT, i lavoratori agricoli sono considerati anche persone che lavorano terreni di proprietà, che non vendono i loro prodotti, ma producono solo per autoconsumo.

I dipendenti del settore agricolo si sono ridotti di oltre il 13% negli ultimi cinque anni, poiché la maggior parte della popolazione in età lavorativa si è spostata da un villaggio all’altro o da una migrazione. Il settore agricolo è stato interessato sia dalla migrazione interna che dalle migrazioni. L’Albania sta diventando sempre più urbana, poiché l’invecchiamento della popolazione e l’emigrazione sono a spese dell’agricoltura.

Secondo i dati del censimento, nel 2011, rispetto al 1989, la popolazione residente in Albania è diminuita in 10 regioni ed è stata aggiunta a due di loro: nei distretti di Tirana e Durazzo. La diminuzione più significativa è stata osservata nella regione di Gjirokastra con il 53,7%, la regione di Kukës 41,6%, la contea di Diber il 30,6%, il distretto di Berat il 36,3% ecc. Mentre la più alta crescita della popolazione è stata osservata nel Qark di Tirana con 300.137 abitanti, ovvero il 66,8%, e in misura minore nella Regione di Durazzo con 44.255 abitanti o il 20,2%. Secondo i dati annuali di INSTAT, la contrazione della popolazione dei distretti è proseguita anche dopo il 2011 e oltre.

“Sarà male”, dice Stavri Gjini. “I giovani se ne vanno, nascono i bambini piccoli. Ma anche i bambini in crescita non vogliono lavorare in agricoltura. Ai giovani non piace lavorare a terra. C’è poco profitto e molto impegno, preferiscono fuggire “, dice Gjini, che è già stanco dopo aver lavorato per anni in agricoltura e presto non avrà il potere di lavorare.

“Quest’anno ho dovuto cercare lavoratori stagionali in villaggi remoti, poiché trovare impiegati è diventato più difficile. “Come può un ventenne lavorare per un salario di 15-20 mila dollari al mese, che possiamo pagare senza assicurazione, contro lavori così noiosi come l’agricoltura. Ma finora gli agricoltori hanno l’opportunità. I nostri guadagni non garantiscono salari più alti o pagamenti assicurativi, quindi hanno il diritto di andarsene. Per tre mesi al picco della stagione in Grecia, ricevono un reddito annuale da un lavoro che fanno nel loro paese “, ha detto Gen.

Lui e altri agricoltori nell’area di Myzeqe sono preoccupati che la mancanza di forza lavoro, che non è stata un problema fino a poco tempo fa, si trasformi nel principale ostacolo allo sviluppo dell’agricoltura, oltre ad altri ostacoli, come la grande frammentazione di suolo e bassa meccanizzazione.
La popolazione in rapida diminuzione sembra mettere l’economia albanese davanti a una nuova sfida. Nei primi sei mesi del 2018, il supplemento di popolazione naturale (la differenza tra nascite e morti) era solo di 484 persone, secondo i dati pubblicati da INSTAT, o solo 80 persone al mese.

Allarme allarmato per il dipendente

Il servizio nazionale per l’impiego ha riferito che nel 2017 sono state raccolte circa 48.000 offerte di lavoro dalle imprese. La metà di loro, più di 25.000, appartiene alle fabbriche di Fason. Secondo i dati dell’indagine strutturale delle imprese, le fabbriche tessili e calzaturiere hanno impiegato 46.000 persone nel 2016, con un incremento annuo del 14% rispetto al 2015. D’altro canto, il settore ha la capacità di espandersi di quasi il 50% per numero di dipendenti .

Le imprese del settore del settore in tutto il paese, da Shkodra a Gjirokastra, hanno dato l’allarme che stanno affrontando gravi carenze di manodopera. A causa dell’esperienza consolidata, il numero di nuovi contratti sta crescendo rapidamente. Ciò è evidenziato anche dalla crescita delle esportazioni nel settore, con il 16 e il 10% negli ultimi due anni. D’altra parte, trovare nuovi dipendenti è diventata una missione difficile.

Gjergj Leqejza, amministratore dell’Albania Trikot che gestisce l’attività nella città di Scutari, ha detto che è diventato molto difficile trovare una forza lavoro, a causa di due fenomeni correlati. “Il primo è l’immigrazione, che fa scappare alcune persone. D’altra parte, ragazze e donne che non lavorano, se hanno qualcuno in emigrazione, perché sono immigrati generatori di reddito. Questo è tipico dell’area di Scutari “, ha affermato Leqezja.

Flamur Hoxha, amministratore della compagnia Kler, ha affermato che l’ondata migratoria sta ostacolando l’attività del fason. Questa situazione è molto evidente, specialmente in alcune aree del paese come Librazhd, Puka o simili. Le aziende oggi non possono andare e aprire una nuova filiale in queste aree perché non hanno abbastanza forza lavoro. Anche quelli che hanno provato sono tornati a Tirana. Il profilo aziendale in sé richiede una grande forza lavoro e non vale la pena aprire una succursale quando non trovi le persone che ti occorrono per aprirlo e per gestire questo business, dice il signor Hoxha. “Oggi solo Tirana e Durazzo sono le uniche aree in cui puoi trovare una postazione di lavoro e non vedere alcun semaforo in nessun’altra area dell’Albania, per cercare l’espansione o pensare ad una nuova affiliazione.”

L’amministratore di Naber sostiene che l’anno scorso circa 100 dipendenti delle fabbriche sono fuggiti dall’immigrazione. Dice che con l’abolizione dei visti, molti giovani stanno fuggendo all’estero. La stessa preoccupazione è stata sollevata da Thoma Marku, amministratore di Mark Konfeksion di Korça. Ha detto che lo scoraggiamento a lavorare nelle fabbriche e l’alta emigrazione, sono le ragioni che stanno riducendo i dipendenti nelle fabbriche. Mark ha affermato che tutte le imprese nel distretto di Korça stanno lottando. A Korça ci sono decine di aziende tessili e calzaturiere che lavorano principalmente con la Grecia.
Secondo lui, i contratti di lavoro stanno crescendo, ma un’ulteriore espansione non può essere fatta senza aggiungere personale.

Jozef Bazhdari, direttore di produzione di Bella Confex a Shkodra, una società con sede nel settore, afferma di avere difficoltà a trovare dipendenti. Bazhdari dice che ha iniziato le ricerche fino alla periferia di Lezha, sebbene la fabbrica si trovi nel centro della città di Scutari. “Sto coprendo i costi del trasporto. Ho anche alzato i salari. Il costo minimo è di 1200 Lek al giorno, mentre il massimo supera le 1700 Lek. Tuttavia, l’interesse a lavorare è diminuito “, ha detto.

La stessa situazione si riferisce anche circa 20 fabbriche rilevate nelle principali regioni del paese, Korca, Tirana e Durazzo, Berat, Scutari, Fier, ecc, dare l’allarme che la mancanza di manodopera impedisce loro di espandersi e minaccia la vitalità dell’attività in il futuro
Ma se i fan non intendono diversificare e chiudere il ciclo, troveranno sempre più difficile soddisfare i bisogni con le condizioni che offrono oggi, in quanto la libertà di movimento e la concorrenza che si sta creando all’interno del paese da parte del call center esaurirà la forza lavoro per le fabbriche . Con questi sviluppi, l’Albania sta perdendo competitività, dove il divario è stato sviluppato a causa dei bassi costi del lavoro, rispetto a un lavoro artigianale che oggi i paesi sviluppati pagano molto.

Flamur Hoxha, che per molti anni ha gestito la Clothing Manufacturers Association, ha affermato che la mancanza di forza lavoro è la sfida più grande per le aziende. Anni fa, i padri avrebbero dovuto pensare di creare un ciclo chiuso per rispondere alle richieste di tempo con gli stipendi. Il signor Hoxha dice che è giunto il momento di ridistribuire i pagamenti nel settore, ma, d’altra parte, il paese perde competitività a questo punto, che ha finora influenzato il suo sviluppo. I dati elaborati da Enterprise Structural Survey mostrano che le entrate derivanti dalle vendite di tessuti e scarpe sono aumentate di circa il 60% dal 2010 al 2016, mentre i salari solo del 20%.

Il turismo lascia le richieste per i professionisti, non trovano le persone

Gli hotel, soprattutto nelle aree remote di Tirana, dove la forza lavoro è concentrata, sono in crisi per i dipendenti. Alcuni anni fa, il settore alberghiero aveva enormi riserve sulla mancanza di personale qualificato, ma le loro affermazioni sono diminuite. Basta che le persone lo gestiscano da soli. “Ci sono pochi problemi di interesse. Basti voler lavorare. Abbiamo fatto la formazione giusta, anche se a un costo elevato per noi, perché sono andati all’estero o si sono trasferiti al picco della stagione nel Sud “, afferma Fatos Çerenishti, capo del FAFA Resort in Golem.

Anche nelle zone turistiche montane di Valbona, la mancanza di dipendenti ha iniziato a ostacolare le imprese per un’ulteriore espansione. Gli amministratori degli host sostengono di essere in difficoltà con il servizio a causa della mancanza di forza lavoro. I giovani della zona si sono trasformati in lavoratori stagionali per i paesi dell’UE, non disposti a lavorare per uno stipendio mensile di 20.000 dollari negli hotel della zona. Assumere dipendenti da altre città è inaccettabile in quanto i servizi sono coperti solo da familiari che sono pigri nel servizio.

Call center, i dipendenti qualitativi se ne vanno

Il settore dei call centre subisce in misura più moderata la necessità di dipendenti. Oggi ci sono due tipi di immigrazione, i poveri e coloro che partono per una vita migliore. Il settore dei call center, uno dei maggiori datori di lavoro del paese, in particolare i giovani, soffre di quest’ultimo. A livello di numeri, gli operatori di mercato sostengono di non avere particolari problemi a lasciare i dipendenti.

I dirigenti di Intercom Data Service (IDS), uno dei più grandi operatori del paese, con circa 3.000 dipendenti, sostengono che il problema per il loro settore è che coloro che se ne stanno andando sono dipendenti esperti e di qualità. Questo è un ostacolo all’aumento del livello di servizio, al passaggio dal call center ai servizi a valore aggiunto.

La preoccupazione è che i lavoratori di qualità non escano per problemi di pagamento, dal momento che il call center ha tariffe di pagamento molto più elevate rispetto, ad esempio, all’industria dei fason, ma sono alla ricerca di una vita migliore. Secondo una stima preliminare, i ventenni in genere non se ne vanno ma quelli che hanno creato un’esperienza, hanno una nuova famiglia o hanno intenzione di creare una famiglia.

Lorenc Goga, amministratore di Facile.it, una società che fornisce servizi di web marketing, ha affermato da tempo che trovare dipendenti è diventato spesso una sfida per l’attività. La mancanza di personale qualificato nei servizi ICT gli ha impedito di firmare un nuovo contratto di servizio con una società straniera. Il contratto è stato per servizi a un livello superiore di web marketing e pagamenti sono stati promettenti, ma la mancanza di personale qualificato per questi servizi diventa un ostacolo alla sua firma. Goga, più che l’immigrazione, i guasti del sistema educativo del paese, nella terza decade di transizione, ma non siamo in grado di soddisfare le esigenze del mercato del lavoro.

La medicina è estenuante, il 78% dei medici vuole andarsene

Come conseguenza della migrazione di massa e di altri fattori, l’Albania ha il più basso tasso di copertura sanitaria per la popolazione, con 1,2 medici ogni 1000 abitanti, secondo i dati di INSTAT. Molte persone, soprattutto nelle aree rurali e rurali, hanno difficoltà a causa della mancanza di assistenza sanitaria nelle loro aree. Tuttavia, la mancanza di specialisti della salute negli ultimi anni ha colpito anche ospedali regionali e centri universitari.

L’associazione “Together for Life”, sostenuta finanziariamente dalla Fondazione Friedrich Ebert Tirana, ha condotto uno studio alla fine dello scorso anno, interrogando 1000 medici sulle cause della loro partenza dall’Albania. I risultati di questo studio mostrano che la rimozione dei medici rimane un fattore preoccupante, che è sperimentato dal 78% dei medici (il 24% dei quali è pronto a partire immediatamente, mentre il 54% se ne andrebbe se gli fosse concesso ).

Lo studio rileva che la situazione più problematica è presentata nei centri universitari dove i medici hanno la maggiore tendenza a lasciare il paese immediatamente (54%), mentre il più basso è negli ospedali municipali (sebbene il campione in questi ospedali sia il più piccolo).
C’è una tendenza a rimuovere i medici con titoli scientifici, il 40% dei quali considera importante la loro partenza dall’Albania.
Una delle principali cause che i medici stanno invitando ad andare in un altro luogo sono: serietà al lavoro, sostegno finanziario e migliori condizioni di lavoro.

La maggior parte dei medici lamenta di avere penuria di servizi, il 26% dei quali lamenta carenza in tutti i servizi e il 60% in alcuni dei servizi. E ‘inquietante che chi si lamenta di più per la mancanza di ospedali universitari sono medici, il 56% dei quali pretendono che mancano tutti i servizi e il 40% in assenza di alcuni servizi. I medici del paese si sentono infelici, oberati di lavoro, sottovalutati e stressati.

Secondo lo studio, il finanziamento del sistema, la gestione del sistema e la mancanza di sicurezza finanziaria sono le principali cause di insoddisfazione dei medici maschi. Nel frattempo, i medici considerano i finanziamenti e la burocrazia come i più problematici, così come la mancanza di sicurezza finanziaria.

Infatti, il 71% dei medici afferma di essere criticato più del necessario in Albania. Questa opinione è la stessa sia per il genere femminile che per quello maschile. Ragioni economiche e professionali occupano il primo posto per i medici di lasciarli dall’Albania. Solo l’1% dei medici dichiara di andarsene per motivi giudiziari. Si noti che il numero di dottoresse che vogliono partire per ragioni economiche, professionali e giudiziarie è superiore a quello degli uomini. Il 50% dei medici pensa che il futuro in Albania non sia sicuro.

Immigrazione e nascite squilibrano la forza lavoro

La popolazione in età lavorativa scenderà a un ritmo leggermente più rapido della popolazione generale, con oltre il 18% in quasi tutte le contee, ad eccezione di quelli che aumentano la popolazione attraverso la migrazione (Tirana e Durazzo), afferma INSTAT a uno indagine speciale sulle proiezioni demografiche entro il 2030.

Tirana è l’unico distretto in cui è previsto un significativo aumento della forza lavoro potenziale (del 20% entro il 2031, secondo lo scenario normale con distribuzione geografica e costante emigrazione all’interno del paese).

Il calo più forte nella forza lavoro potenziale è previsto per Gjirokastra (con -43%), così come per Berat e Dibra (con almeno -30%). Gli emigranti sono al 90% la parte più attiva del mercato del lavoro. Fuga, libera l’impiego per coloro che rimangono. L’effetto positivo della caduta della disoccupazione (meccanicamente a causa dell’emigrazione), tra le altre cose, sta nel fatto che le spese di bilancio sono ridotte a pagare per la categoria di disoccupati, analizza INSTAT.

Tuttavia, allo stesso tempo, di ridurre il bilancio per coprire prestazioni sociali ai disoccupati a seguito della riduzione della disoccupazione dalla migrazione, e ha ridotto il reddito da imposta nel bilancio, venuto per lo stesso motivo, dall’emigrazione. In una tale situazione, il paese presto perderà competitività anche nella regione per gli investimenti stranieri. Attualmente è la forza lavoro libera che ha portato compagnie straniere in Albania. Ma nel prossimo decennio, questa opportunità sembrerà esaurirsi.

Secondo i dati di INSTAT, nel 2018, la popolazione nella fascia di età 15-44, che è la parte più energetica del mercato del lavoro, è diminuita di 167 mila persone rispetto al 2001, di circa il 13%. La caduta più forte si osserva nella fascia di età 15-19 anni, con oltre il 26%.
Successivamente, la struttura della popolazione in età lavorativa segna una forte crescita per l’età di 45-64 anni, in aumento di 210,8 mila persone o del 38,8% rispetto al 2001. La struttura della popolazione in età lavorativa è coinvolta in una profonda transizione, annunciando che dopo dieci anni ci sarà una lacuna per sostituire coloro che vanno in pensione.

Oltre all’emigrazione, i bassi tassi di natalità stanno aumentando la pressione sulle prospettive del mercato del lavoro. L’aumento naturale della popolazione per il terzo trimestre del 2018 riflette una diminuzione del 35,4% rispetto al terzo trimestre del 2017, ha riferito INSTAT, mentre il numero di nascite è diminuito in tutte le regioni del paese tranne Tirana. Il numero di nascite per il terzo trimestre del 2018 è stato di 6.859, con una diminuzione del 19,7% rispetto al terzo trimestre del 2017.

Si prevede che l’anno 2018 si chiuderà ai più bassi tassi storici di crescita naturale della popolazione, almeno dai tempi di Zog.
Nel 1990, il primo anno di transizione, le popolazioni naturali della popolazione erano circa 64 mila persone, o circa 5300 al mese. 28 anni dopo, questo indicatore è sceso di 77 volte, raggiungendo solo 69 persone al mese. Anche nel primo trimestre del 2018, gli integratori naturali erano negativi per la prima volta nella storia di 100 anni (durante il primo trimestre 2018 nacquero 5.699 persone e morirono 5.954, rendendo le persone separate dalla vita 285 in più del numero i bambini che hanno preso vita, l’alta emigrazione e il basso tasso di natalità sembrano aver indotto la popolazione a immergersi più delle previsioni.

Le proiezioni demografiche 2011-2031, secondo lo scenario intermedio, prevedevano che le popolazioni naturali della popolazione si sarebbero attestate su un livello negativo nel 2023, mentre la variante ottimistica prevedeva che gli integratori naturali fossero negativi nel 2028. Ma gli sviluppi reali dimostrano che, le prestazioni della popolazione in questo modo non sono previste né dalla variante più pessimistica degli esperti demografici.

Le Nazioni Unite, le sue previsioni per la popolazione albanese, in base al tasso di fertilità stabilito nella variante pessimista nel 2100, la popolazione dell’Albania saranno solo 860.000 abitanti. Mentre lo scenario normale prevede che l’Albania popolerà con solo 1 milione e 600 mila abitanti. Lo scenario ottimistico, con l’immigrazione zero e normale svolgimento tasso di fertilità predice che la popolazione del paese, entro il 2100, pari a 2 milioni e 800 mila abitanti, circa 2,9 milioni attualmente numerazione circa.

Esperti e istituzioni internazionali aggiungono preoccupazione all’immigrazione

l’economia albanese è tendenza al rialzo, ma allo stesso tempo, resta molto da fare per essere più stabile, inclusiva e soprattutto tampone per l’immigrazione, ha detto nel gennaio Kees, un rappresentante della missione del FMI nel nostro paese in un una conferenza stampa congiunta con il ministro delle finanze nel novembre 2018. Ha detto che il governo albanese dovrebbe attuare riforme strutturali per frenare l’alta emigrazione. Il rappresentante dell’FMI ha elencato il miglioramento del clima imprenditoriale, le riforme nello stato di diritto e la lotta alla corruzione.

“Le sfide interne alla nostra economia sono la qualità delle previsioni e degli obiettivi di sviluppo” – analizza Arben Malaj, ex ministro delle Finanze, ora presidente dell’Istituto per la politica pubblica e il buon governo.

Malaj afferma che senza un buon governo con obiettivi chiari e misurabili, potrebbe esserci un aumento dei flussi migratori, non ci può essere alcun aumento di spese e investimenti, ma nel frattempo i deflussi / trasferimenti di affari potrebbero essere aumentati nei paesi limitrofi, la crescita economica potrebbe diminuire e aumentare la disoccupazione e la povertà. A causa della crisi politica della mancata partecipazione dell’opposizione in Parlamento, delle proteste studentesche, delle elezioni locali del 2019, tutte queste possono influenzare le aspettative delle persone e delle imprese, ha aggiunto.

Il professor dr. Adrian Civici, Presidente della UET, ha detto che l’economia albanese ha avuto una performance positiva nel 2018, la crescita economica (PIL) ha superato la cifra del 4%, il deficit di bilancio è giù, la disoccupazione è basso, settori strategici come il turismo hanno avuto andamento positivo durante il 2018, ma, se ci riferiamo al concetto di “parallelo” del prodotto interno lordo è la soddisfazione del “Gross”, o in altre parole la soddisfazione della popolazione della sua economia, i problemi e le debolezze l’economia è numerosa. L’insoddisfazione economica sta creando alti livelli di emigrazione. Civici afferma che la disoccupazione continuerà a scendere all’11-11,5%, ma ciò è anche dovuto al fenomeno dell’emigrazione attualmente dominato da età attive nel mondo del lavoro.

Mentre Selami Xhepa, Decano della Facoltà di Economia dell’UET, ha dichiarato che “la diffusa povertà e la grave situazione sociale, insieme alla scarsa qualità della governance del Paese, continuerà ad attirare i cittadini verso l’immigrazione”. Secondo lui, l’alta emigrazione è il risultato di politiche inefficaci.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, contabilità, tassazione, diritto del lavoro, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
https://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com

https://www.jobinalbania.com

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *